Ex Ilva: sciopero degli operai del gruppo ArcelorMittal

Conte tra la folla a Taranto: 'Non ho la soluzione in tasca'

125

Conte affronta la protesta e le speranze di ambientalisti, operai cittadini di Taranto davanti allo stabilimento ex Ilva. Un lungo botta e risposta davanti alle telecamere con la folla, fatto anche di momenti di tensione: ‘Non ho la soluzione in tasca’, ha detto il presidente del Consiglio.

Il premier a molti di loro chiede: “Cosa volete, la riconversione?“. Ma il gruppo che lo assedia all’esterno prima che possa entrare dagli operai ha una parola d’ordine: chiusura. Solo qualcuno accenna alla possibilità di una riconversione, impiegando per questo gli operai per la bonifica. Conte rivendica attenzione all’ambiente: “Stiamo lavorando tanto per l’energia pulita”.

“Chiusura! Chiusura!”. E’ stato un incontro ravvicinato, quasi un corpo a corpo, tra il presidente del Consiglio, circondato da agenti della Digos, e un gruppo di cittadini che invocano la chiusura del Siderurgico e il reimpiego degli operai nelle bonifiche. Conte, recatosi nello stabilimento siderurgico di Taranto per ascoltare lavoratori e cittadini, ha cercato di stemperare la tensione accarezzando uno degli attivisti, mentre altri scandivano il coro “Taranto Libera! Taranto libera“.

Il premier non si è sottratto al confronto e ha detto a chi con le urla copriva la sua voce: “dovete stare zitti, mi dovete far parlare“. “Noi – ha sottolineato l’operaio Raffaele Cataldi, rappresentante del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti – diciamo di prendere esempio dall’accordo di programma di Genova. Là è stata chiusa l’area a caldo perchè giudicata incompatibile con la vita umana ed è stata trasferita a Taranto. Noi diciamo di chiudere le fonti inquinanti e reimpiegare gli operai nelle bonifiche”. Ed ancora: “qui ci ammaliamo e rischiamo la vita perchè non siamo in sicurezza. Avete emanato decreti dopo che sono morti nostri colleghi e le loro mogli non sanno quando avranno giustizia”.

Conte ha poi partecipato per quasi due ore al consiglio di fabbrica dei sindacati metalmeccanici all’interno dello stabilimento siderurgico di Taranto. Al suo ingresso in fabbrica Conte è stato accolto da un applauso e con molte strette di mano. Erano presenti anche i segretari confederali territoriali di Cgil, Cisl e Uil e decine di delegati. “Sembra l’aula di una lezione universitaria”, ha detto Conte prima di cedere il microfono ai rappresentanti sindacali. Il segretario generale della Uilm Antonio ha chiesto al premier “di fare presto perchè gli impianti marciano al minimo e sono destinati alla fermata totale senza provvedimenti” e ha auspicato una soluzione per “salvaguardare il diritto alla salute e il diritto al lavoro“.

Il coordinatore delle Rsu della Fiom Cgil Francesco Brigati ha affermato che “in questa fase abbiamo bisogno della politica e della scienza. Più volte abbiamo chiesto politiche industriali che non mettano in contrapposizione salute e lavoro. Per quanto riguarda la scienza, abbiamo chiesto più volte la Viias, valutazione integrata di impatto sanitario e ambientale per stabilire se la produzione è compatibile o meno con questo territorio”.

Non è una questione di scudo o non scudo penale, ma di avere un progetto per questo stabilimento, per questa città, per questa comunità. Come ho detto a Genova per la ricostruzione del ponte Morandi, da questa tragedia può ripartire il rilancio di un’intera comunità”, ha affermato Conte.

“Voi – ha aggiunto – qui siete dilaniati dal fatto di dover lavorare in queste condizioni e litigate con i tecnici ogni giorno e poi tornate in famiglia e litigate con parenti che vogliono la chiusura. E voi dite che avete bisogno di lavorare. Avete diritto al lavoro e alla salute, garantiti dalla Costituzione. Qui c’è una frattura drammatica alimentata nel corso degli anni”.

“Non faccio polemiche – ha osservato il premier -, non faccio nomi di chi mi ha preceduto, è tutto un sistema che non ha funzionato. Non c’è stata sensibilità, oggi è impensabile che una impresa di queste dimensioni possa mantenersi e competere a livello globale e a livelli produttivi accettabili senza essere accettata dalla comunità in cui opera”.

Il dossier ex Ilva “è prioritario per il governo. Dobbiamo gestirlo tutti uniti, non solo il governo, ma anche voi. Tutti insieme dobbiamo combattere questa battaglia. Come sistema Paese”.

Io non sono un venditore di fumo, un superuomo, un fenomeno. Non c’è una persona, un governo che può risolvere da solo tutto, c’è il sistema Italia, qui si apre un gabinetto di crisi per offrire una opportunità a questa comunità ferita una opportunità di riscatto”, ha detto il premier.

Il presidente del Consiglio è stato interrotto più volte dagli applausi. I delegati e gli operai, circa 200, hanno ringraziato Conte per l’incontro e per il confronto. “Tornerò di nuovo” ha detto il premier.