Serie A: Arbitri che disastro. Un Cagliari europeo batte anche il Bologna, Juve sofferenza e polemiche.

258

Una giornata disastrosa di serie A per gli arbitri.

Non  azzeccano una decisione nemmeno per sbaglio, così l’utilizzo del VAR diventa superfluo, tanto vale abolirlo.

L’arbitraggio più disastroso è della coppia Giacomelli/Banti.

In un solo match riescono a negare tre rigori netti agli azzurri e un espulsione a Pasalic.

Azzurri in vantaggio con Maksimovic ad inizio primo tempo.

Nel finale di tempo, dopo un assedio azzurro, Freuler trova il gol del pari su un errore di Meret.

Nella ripresa Milik riporta avanti i suoi, fino all’episodio scandaloso in area di rigore dell’Atalanta dove Lloriente, per l’ennesima volta, viene travolto mentre sta per colpire di testa.

Kjaer si disinteressa completamente del pallone e in stile wrestling abbatte l’attaccante spagnolo.

L’arbitro non chiama il rigore e sul capovolgimento di fronte Ilicic fa 2-2.

Il Napoli prova il forcing finale, e ci sarebbe un altro episodio da VAR.

Toloi che colpisce di mano un croos di Callejon, altro silenzio da parte degli arbitri e partita che finisce 2-2.

La Lazio abbatte il Torino e mette Mazzarri sul filo del rasoio.

Acerbi con un tiro da 30 metri trova il colpo grosso, poi si scatena Immobile (doppietta).

Nel finale clamoroso autogol di Belotti, all’Olimpico finisce 4-0.

Stesso risultato a Bergamo per l’altra squadra di Roma, che nonostante un uomo in meno per quasi tutta la gara, vince per 4-0.

In gol Kluivert, Kolarov, Smalling e Zaniolo

Partita spettacolare alla Sardegna arena tra Cagliari e Bologna.

Con i Sardi che ribaltano il momentaneo vantaggio di Santander con la doppietta di Joao Pedro e il gol di Simeone.

Nel finale autogol sfortunato di Olsen.

La Fiorentina trona a sorridere e vince di rimonta in casa del Sassuolo che chiude il primo tempo in vantaggio grazie ad un gol di Boga.

Nella ripresa la viola riesce a ribaltare il match con Castrovilli e Milenkovic.

Solo un pareggio casalingo nello scontro salvezza tra Sampdoria e Lecce.

Giallorossi in vantaggio con l’ex Genoa, Lapadula, si vedono raggiungere nel finale dal colpo di testa di Ramirez.

Altra partita ricca di episodi quella di Torino tra Juve e Genoa.

La Juve và in vantaggio con Bonucci, ma viene raggiunta subito da Kouamè.

Nella ripresa clamorosa espulsione inesistente di Cassata.

Il calciatore del Genoa sposta leggermente Dybala sulla spalla, davvero troppo lieve il tocco del giocatore rossoblù per avere un doppio giallo e rosso.

Stesso arbitro, stessa partita, gestione diversa sui due falli di Rugani, già ammonito, su due ripartenze del Genoa.

Due falli nettamente da ammonizione che l’arbitro quasi finge di non vedere.

Scandaloso anche il penalty dato a Ronaldo che viene sfiorato da Sanabria in area di rigore.

Il portoghese sviene letteralmente come se colpito da un cecchino, fallo inesistente al 95° che regala il rigore a Ronaldo, che lo calcia e decide il match.

Stasera chiude la 9° giornata Milan – Spal.