sabato, Agosto 8, 2020
Home IL FORMAT Non fanno nulla e ti riempiono la testa di balle litigiose

Non fanno nulla e ti riempiono la testa di balle litigiose

Lo scambio tra piano Marshall per il Sud e autonomia differenziata per il Nord messo così è la sintesi algebrica di due idiozie, una pentastellata l’altra leghista, che producono il solito pieno di parole al vento e la concreta polverizzazione dell’Italia.

Il primo (piano Marshall) ha senso se esprime un posizionamento strategico del Paese finalmente consapevole che se non vuole continuare con le crescite dello 0,1/0,2% (se tutto va bene) ha l’obbligo di porre come priorità economica condivisa la modernizzazione dell’ambiente infrastrutturale del Mezzogiorno. Non si tratta di fare un favore al Sud e di restituirgli il maltolto di spesa pubblica negli ultimi dieci anni – cosa tanto vera quanto miope tristemente accaduta – ma piuttosto di consentire al Nord di bloccare la spirale assistenzialista in cui si è avviluppato da solo facendo incetta di risorse pubbliche sottratte indebitamente alle regioni meridionali.

L’Italia tornerà a crescere per davvero e a contare qualcosa in Europa e nel mondo se recupererà alla frontiera della produttività e dell’attrazione di investimenti il suo Mezzogiorno e garantirà, in questo modo, ai prodotti ideati e fabbricati nel CentroNord un rilevante mercato di sbocco interno messo duramente a rischio dai saccheggi subiti. Con un reddito procapite del Sud che arrivasse a scendere sotto la metà di quello del Nord non solo non ci sarebbe più l’Italia ma crollerebbero consumi e reddito. Usciremmo definitivamente dal novero delle economie industrializzate.

La seconda (autonomia differenziata) ha senso se una discussione incanalata in un percorso istituzionalmente corretto potrà servire a garantire la ineludibile operazione verità sulla distorsione a favore dei ricchi operata attraverso il marchingegno della spesa storica e la ricostruzione puntuale dei flussi di spesa pubblica allargata che certifichi la violazione avvenuta dei principi fondanti costituzionali, contabili e federali.


close







close






- Advertisment -

I PIU' LETTI

Di Stefano, la gaffe e la risposta

​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

Dal commercio ai trasporti, all’arte: ecco i settori più colpiti dalla crisi

Secondo un'indagine di Eurostat sull'impatto del Covid-19 sulle industrie dell'Ue, nel primo trimestre 2020 le attività che hanno sofferto di più sono state il...

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy

MakeIdentity, l’app dedicata alla privacy. MakeIdentity mixa tecnologia e privacy per massimizzare conversione e utilizzo dei dati personali degli ospiti. Intervista a Marco Giacomello...

Il presidente Mattarella alle Regioni: “Attuare art. 2-3 Carta è un dovere”

"In questi 50 anni le Regioni si sono affermate come componente fondamentale dell'architettura della Repubblica. Le Regioni si sono rivelate forte elemento di coesione...

COMMENTI RECENTI

Annina Malito on Storie di ordinaria violenza
Massimiliano Palladini on Irregolare una mensa scolastica su 3
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Malati di austerity
Riccardo pieroni on Malati di austerity
Daniela Sacchi on Elogio della confessione
marco bacigalupi on Elogio della confessione
Emilio Carnelli on Nonno, ti faccio la festa
Catalogna – per la UE è win-win – Così va il Mondo on Catalogna e Lombardia: di Stato e Nazioni