domenica, Agosto 9, 2020
Home IL FORMAT Balle pericolose e scandali veri, poveri noi

Balle pericolose e scandali veri, poveri noi

-

Dal poltronificio lombardo alla nuova affittopoli romana. https://www.quotidianodelsud.it/laltravocedellitalia/editoriali/2019/05/31/leditoriale-direttore-roberto-napoletano-balle-pericolose

Sono tutte mangiatoie pubbliche dove si regala una consulenza d’oro agli amici degli amici tra Gallarate e Legnano, si moltiplica il numero delle municipalizzate lombardo-venete con più consiglieri di amministrazione che dipendenti; oppure si affittano locali a prezzi stracciati (neppure pagati) addirittura agli eredi della banda della Magliana e si mettono all’asta alloggi di pregio nel cuore della movida capitolina, i “gioielli” dell’Ater che non è nient’altro che l’ex istituto autonomo di case popolari controllato dalla Regione Lazio. 

Tutto ciò avviene nel Paese delle balle pericolose dove la pressione fiscale aumenta e nessuno lo dice e dove si ha la sfrontatezza di annunciare regaloni fiscali (impossibili) da decine e decine di miliardi e tutti lo ripetono.

In un’Italia dove abbiamo la reputazione di mercato ai minimi storici e finiamo addirittura sotto i piedi di Spagna e Portogallo, mai successo, a un passo insomma dal commissariamento, e dove vecchi e nuovi maghi Zurlì della politica italiana litigiosi e fintamente sovranisti possono spacciare balle che valgono 70 e passa miliardi e molti italiani ci credono pure.

Anche in quel Mezzogiorno espropriato (non incolpevole) che è la cassa pubblica di tutto ciò. Poveri noi!


close







close






4,100FansLike
1,173FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Di Stefano, la gaffe e la risposta

0
​​Dopo aver confuso il Libano con la Libia, il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano affida ad una chat su Telegram una sarcastica risposta: "WOW,...

editoriale

Il lato oscuro del monitoraggio digitale in un’app anti coronavirus

0
In Corea del Sud hanno tenuto sotto controllo la curva delle infezioni da coronavirus senza chiudere locali pubblici e scuole, senza imporre drastiche restrizioni...