In 50 mila a Padova per dire ‘NO’ alle mafie

191

In 50 mila si sono dati appuntamento a Padova in Prato della Valle il grande corteo antimafia organizzato da Libera e Avviso Pubblico.

“Sono 50 mila le persone che stanno sfilando per le strade di Padova – afferma l’associazione Libera – Un paese, circa un milione di persone, che in questi giorni in Italia e in Europa, Africa e America Latina si sono mobilitati in oltre 4000 luoghi, parrocchie, associazioni, scuole, università, nelle carceri, negli uffici pubblici, nelle stazioni, nel ricordo delle vittime innocenti delle mafie per la 24ma Giornata dell’impegno e della memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”.

In testa al corteo i familiari delle vittime di mafia, con le loro foto in mano, don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera. Dietro di loro il prefetto Renato Franceschelli, il sindaco di Padova Sergio Giordani, il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho.

Tra i partecipanti, anche l’ex presidente della Commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi e Maurizio Landini, segretario della Cgil. Dagli altoparlanti vengono scanditi i 1111 nomi delle vittime innocenti di mafia. Il corteo si è concluso in Prato della Valle con l’intervento di don Ciotti.

“L’economia di volta in volta si inquina e l’impresa sana finisce per soccombere di fronte all’impresa mafiosa. Il rischio che stiamo correndo è che le mafie finiscano per governare l’economia”. L’ha detto il Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho nel corso della manifestazione organizzata a Padova da “Libera”.

“Non comprendere questo è veramente grave soprattutto ora che le luci si accendono ovunque – ha continuato -. Vorrei che gli imprenditori iniziassero a capire che iniziare a segnalare determinati situazioni anomale può consentire alla magistratura e alle forze dell’ordine di intervenire in tempo”.