venerdì, Settembre 25, 2020
Home ATTUALITÀ I Social e l'estinzione della Società Civile

I Social e l’estinzione della Società Civile

-

Stiamo vivendo l’estinzione della società civile, oppure si è già estinta e ce ne siamo accorti, come sempre, in ritardo. Dopo una lunga fase di caratterizzata dall’assurdo ottimismo di chi poneva tutta la fiducia in un’era dell’informazione governata dai social come garanti di trasparenza e, di conseguenza, come motori per l’affermazione della democrazia “dal basso”, ci troviamo di fronte al risultato opposto.

E’ bastato il 2018 per dover affrontare il disastro causato da chi, avendo a disposizione i social come nuovi mezzi d’informazione, non è mai stato formato da nessuno per saperli manipolare, controllare e usare al proprio favore. Di conseguenza, migliaia di persone si sono trovate sottoposte al bombardamento di “informazioni”, opinione e giudizi immediati che hanno superato la loro capacità di discernere tra vero-falso, giusto-sbagliato, ecc.

Dietro questa apparentemente anarchica struttura c’è chi invece riesce ad ordinare le informazioni erogate al pubblico con la finalità di manipolare l’istinto e il desiderio di innumerevoli persone che, ritenendosi libere di opinare fanno parte di una massa sempre più appiattita e indirizzata a piacimento secondo le più  strategie del “community management”.

I risultati sono a portata di mano. I social si sono costituiti come il nuovo luogo di pubblicità e, allo stesso tempo, di propaganda politica. Di fatto, le ricerche o le informazioni scelte attraverso i nostri profili ci fanno diventare sempre più prevedibili per coloro che vogliono indurci a decidere se consumare un prodotto o votare X candidato. Vale lo stesso per entrambi i casi.

Mentre l’immaginario collettivo ritiene che facebook, twitter e compagnia, siano “strumenti utili per dare voce a chi non ce l’ha”, la cruda verità è che chi deposita un’estrema fiducia in questi mezzi spesso si ritrova ad essere, volente o nolente, un mero ripetitore di informazioni che vengono erogate da qualcuno per manipolare le decisioni di un altro. Infine, si diventa parte di una catena senza conoscerne l’origine.

Il dettaglio più sconcertante è che in questo nuovo mondo guidato dai social, la società civile – che doveva tutelare i diritti, le libertà fondamentali e la democrazia stessa – sta scomparendo per cedere posto a una massa indistinta chi chi, credendo di ‘sfogarsi’, viene invece usato e manipolato da qualcuno

4,104FansLike
1,171FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Caso camici: pm, diffuso coinvolgimento di Fontana

0
C'è "il diffuso coinvolgimento di Fontana in ordine alla vicenda relativa alle mascherine e ai camici accompagnato dalla parimenti evidente volontà di evitare di...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...