I 5 segreti del mondo del cinema: intervista a Nadia Ricci, attrice e modella

1773
Nadia Ricci

Chi è Nadia Ricci?

Nadia: “Nadia Ricci è un’instancabile sognatrice che non perde troppo il contatto con la realtà, un’ottimista che vede sempre il bicchiere mezzo pieno, tranne quando è inverno, fa freddo, piove e a casa non funziona l’antenna; un’insopportabile ‘precisina’ ma mai puntuale! Ama viaggiare perché uno dei suoi grandi sogni è arrivare a 100 anni e aver visitato tutto il mondo, ama il vino rosso da buona toscana, la sua famiglia e la pizza di mamma! Va spesso a Roma e Milano per lavoro, non smette mai di studiare testi di cinema, va a correre, fa meditazione, guarda ogni tipo di film… anche se predilige le commedie e le storie vere. Per hobby si diletta nel bricolage perché la rilassa molto”.

Com’è iniziata la tua carriera di attrice? Quali sono i requisiti per essere dei bravi attori?

Nadia: “Posso dire che non è iniziata per caso come per alcuni.. Io dentro di me ho sempre saputo cosa volevo ma, per timidezza, (da bambina addirittura le maestre pensavano che avessi dei problemi perché non mi relazionavo con i compagni ed ero estremamente chiusa in me stessa) non l’ho mai detto a nessuno, fino a che , ai miei 24 anni non sono iniziati gli attacchi d’ansia. Stavo vivendo una situazione che non mi appagava e avevo perso di vista i miei obiettivi. Il mio corpo è venuto a svegliarmi, dovevo cambiare qualcosa al più presto e finalmente ho iniziato il primo corso di recitazione: l’ansia è sparita quasi subito. I requisiti per essere un bravo attore sono una buona preparazione, naturalezza e spontaneità, sicurezza in sé stessi, caparbietà ed un pizzico di follia”.

Ci racconti il momento lavorativo che per te è stato più emozionante? Il momento più bello…

Nadia: “Il momento lavorativo più emozionante è stato quando quest’estate mi sono trovata sul set con Sergio Castellitto, (uno dei miei idoli assoluti del cinema italiano): non avevo battute previste in quella scena ma lui ha insistito con la regista perché ne avessi una; da allora è anche il mio eroe!”.

Qual è stato, invece, il momento della tua vita privata che ti ha coinvolto di più?

Nadia: Beh, potrei dirti che con questo lavoro ci si sente sempre coinvolti perché quando meno te lo aspetti… arriva una telefonata e ti cambia la vita o almeno la giornata! Vivo sempre sul chi va là, non so cosa accadrà domani e figuriamoci tra un mese! Le mie amiche mi odiano perché non riusciamo mai ad organizzare nulla e hanno ragione! A volte è una seccatura ma allo stesso tempo per me è adrenalina pura. Come ho detto sono una gran sognatrice e solo chi sogna può capire e condividere quello che penso: se guardi al futuro con positività, se ti butti in una nuova attività, corso o sport con passione e dedizione, se ti lasci il passato e le cose brutte alle spalle e continui a guardare avanti con fiducia, verso il mondo, gli altri e sopratutto te stesso; se in tutto quello che fai ci metti il cuore, se ci credi davvero…allora puoi farlo! Cosi ci sentiremo sempre appagati e coinvolti”.

A quali film, corti o progetti cinematografici stai lavorando adesso? Svelaci qualche aneddoto, dai! Dove possiamo trovarti?

Nadia: Al momento sono sul set della prossima fiction di Rai 1 intitolata ‘Pezzi Unici’. Non posso dirti molto ma il mio personaggio si chiama Maddalena ed è la fidanzata di Carlo, interpretato da Marco Cocci.

Il 25 novembre, a Firenze, in occasione della ‘giornata internazionale contro la violenza sulle donne’, uscirà l’anteprima del film Zitta!; si tratta di un insieme di cortometraggi che affrontano il tema della violenza di genere attraverso diversi punti di vista, quelli di cinque registe donne e cinque registi uomini. Io sono la protagonista di La Porta Rotta di Massimiliano Boldrini. Ci vediamo in sala?”.