Che fine ha fatto Scarlett Johansson? Sembra che ultimamente…

1063

Dall’azione alla commedia: una “action comedy”

La conoscerete tutti per le sue formidabili parti in “The Avengers”, “Ghost in the Shell”, “Lucy”, “Match Point”, “Vicky Cristina Barcellona” e molti altri.

Scarlett Johansson di carriera nel cinema ne ha fatta: se si pensa che già dal 1994 comincia ad apparire al cinema, interpretando piccoli ruoli in film come “Genitori Cercasi” e “Appuntamento col ponte”.

Si narra che sia stata folgorata dalla passione per il cinema quando era ancora piccola e che abbia voluto sfruttare, sin da subito, le sue doti recitative ma anche estetiche.

Perchè Scarlett non è solamente un’attrice da Oscar: Scarlett cattura l’attenzione di uomini e fotografi, a livello mondiale.

L’attrice più pagata a livello mondiale

Secondo una recente classifica di “Forbes“, Scarlett Johansson sarebbe l’attrice più pagata a livello mondiale nel 2018.

Solo considerando l’incasso derivante dal suo ultimo film “Avengers: Infinity War“, che si aggira attorno ai 40,5 milioni di dollari, la Johansson si posiziona al primo posto tra le attrici più pagate, seguita a ruota da Angelina Jolie (II) e Jennifer Aniston (III).

Scarlett non interpreterà la transgender in “Rub e Tug”

Sembra proprio che Scarlett se lo possa permettere di rifiutare una parte.

Soprattutto quando le viene chiesto di interpretare un personaggio transgrender: perché una delle ultime proposte lavorative avrebbe riguardato proprio questo.

In “Rub e Tug” avrebbe, infatti, interpretato Dante Tex Gill, un uomo transessuale.

Il film ruota attorno alla storia vera di questo personaggio, ovvero Gill, nonché protagonista della pellicola. Nasce uomo e diventa donna.

Il film prosegue con la narrazione della storia di questo personaggio: una specie di romanzo, ma visto da occhi esterni.

Probabilmente dietro al rifiuto della Johansson si nasconde altro: ma non possiamo saperlo…

Un dato importante, tuttavia, emerge nelle produzioni cinematografiche di oggi: veramente pochi sono gli attori e le attrici che accettano di interpretare ruoli transgender (in netto ribasso – del 40 % – nel 2017 rispetto al 2016, secondo GLAAD).