fbpx
adv-727
<< IL FORMAT

Acqua liquida su Marte: la scoperta è Italiana

| 26 Luglio 2018 | IL FORMAT

Acqua liquida su Marte: un lago salato subglaciale di 20 chilometri di diametro, profondo pochi metri a poche centinaia di metri dal Polo sud del nostro vicino rosso. La notizia, data dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) poche ore fa, segna una sensazionale scoperta.

Nonostante le condizioni gravose e la scarsità di fondi a cui sono tenuti a lavorare i nostri atenei, la quasi-eroica passione dei ricercatori dell’ASI, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, dell’Università Roma Tre, Sapienza e Gabriele d’Annunzio e del Consiglio Nazionale delle Ricerche ha portato ad un esito rivoluzionario.

Merito della scoperta è il Mars Advanced Radar for Subsurface and Ionosphere Sounding (Marsis) un radar attivo dal 2005 montato sulla sonda Mars Express, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa). Tutto italiano il team di ricerca: dall’ideatore del Marsis, Giovanni Picardi dell’Università Sapienza di Roma, alla costruzione avvenuta per mano della Thales Alenia Space.

adv-869

Una scoperta che potrebbe riaccendere quella scintilla assopita della colonizzazione spaziale, morta con la fine della guerra fredda. In tal caso gli esiti potranno essere davvero sconvolgenti, cambiando le tendenze di tutto il mercato tecnologico. Un incentivo agli investimenti nel settore, sarebbe una manna dal cielo nel vero senso della parola per quella nascente industria spaziale privata, capeggiata da Elon Musk, che proprio sul Pianeta Rosso investiva da anni una fortuna in sella alla SpaceX.

Roberto Orosei, dell’Inaf di Bologna, spiega che: c’è stato un tempo in cui Marte era abitabile, con un clima simile alla Terra, ma nel tempo il pianeta ha perso la sua atmosfera e con essa l’effetto serra che lo riscaldava, e di conseguenza l’acqua si è ghiacciata per poi scomparire. Restavano i segni lasciati dalla presenza dell’acqua, ma restava da capire dove fosse finita e capire dove andare a cercarla.

L’ASI, fondata nel 1988, dipende dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, potrebbe adesso acquisire un ruolo chiave più centrale sia a livello Europeo in seno all’Esa (European Space Agency) sia nell’ambito accademico italiano, spronando quel campo ancora bistratto dell’istruzione nostrana, cioè l’ambito matematico, scientifico e astronomico.

Potrà essere un nuovo inizio per l’istruzione italiana ormai agli sgoccioli? Sarà l’alba di una nuova era?

TAG: acqua liquida, acqua liquida su marte, acqua su marte, agenzia spaziale italiana, asi, centro nazionale ricerca, cnr, Elon Musk, esa, gabriele d'annunzio, inaf, istituto nazionale di astrofisica, lago su marte, pianeta rosso, roma tre, sapienza, space X
adv-797
Articoli Correlati