Russia 2018: un mondiale imprevedibile

410

Ci troviamo a metà dell’opera di un mondiale tutt’altro che scontato, il quale ha visto l’uscita prematura di squadre come Germania (in primis), Argentina e Spagna.

Ieri con il rigore decisivo calciato dal difensore inglese Eric Dier, che ha sancito la eliminazione della Colombia dalla competizione mondiale, si è chiuso il discorso degli ottavi di finale.Una partita dettata dalla tensione e dall’agonismo che ha regalato più cartellini che emozioni sportive se non alla fine quando, dopo un pareggio arrivato nell’ultimo minuto dei tempi regolamentari e i successivi 30 minuti dei supplementari trascorsi senza alcun sussulto, si arriva alla lotteria dei calci di rigore. Un’errore per parte prima che si arrivi al quinto rigore che C. Bacca, giocatore in cerca di riscatto, sbaglia dando la possibilità ai britannici di segnare e vincere lo scontro come difatti avviene.

La Colombia è solo l’ultima delle eliminate in maniera beffarda ai calci di rigore, basti tornare al caldo pomeriggio di domenica per vedere i padroni di casa, settantesimi nel ranking fifa, battere ai calci di rigori una corazzata come la Spagna, che ha pagato inevitabilmente per il poco gioco espresso l’esonero del ct Lopetegui da parte della federazione spagnola.

Ad essere passate insieme ad Inghilterra e Russia sono Francia, Uruguay, Belgio, Brasile, Croazia e  Svezia. Quest’ultima affronterà proprio l’Inghilterra il 7/07 alle 16:00. Una formazione, quella nordica, che dopo aver eliminato l’Italia ai playoff ed essersi ritrovata in un girone di fuoco insieme a Germania, Messico e Corea del Nord mai avrebbe pensato di essere tra le prime otto squadre al mondo. Ma grazie ad una solidità difensiva quasi invidiabile da molte nazionali (solo due gol presi in 4 partite) e ad un buon centrocampo è riuscita ad eliminare la Germania campione in carica.

Altra grande sorpresa e candidata addirittura alla vittoria finale è la Croazia che ha rischiato di mandare fuori dal torneo sin dai gironi l’Argentina ( uscita poi per mano della Francia ) battuta per 3-0. Il punto di forza della squadra croata è sicuramente il centrocampo formato da Mateo Kovačić, Ivan Rakitić e Luka Modrić ( serio candidato per il pallone d’oro ) giocatori senza dubbio abituati a partite importanti come possono essere quelle di un mondiale; ma in verità il punto di forza della Croazia è il collettivo, dal portiere Subasic eroe durante la partita con la Danimarca, all’attaccante tuttofare Mandzukić che come si vede spesso nella Juventus ricopre più ruoli nel corso di una partita.

La squadra che rimane la più quotata per la vittoria di Russia 2018 è il Brasile di Neymar e Coutinho che gol dopo gol stanno portando la formazione verde-oro a sognare la quinta coppa del mondo della loro storia.Inseriti in un girone abbastanza semplice con Costa Rica e Serbia eliminate entrambe ai gironi e Svizzera che è uscita ai quarti contro la Svezia, la Seleçao sembra non dare scampo a nessuno; partita piano con un pareggio nella prima giornata con la Svizzera si è poi ripresa vincendo tutte le partite giocate in seguito, ultima quella con il Messico battuto per 2-0.

La formazione sudamericana sfiderà un Belgio altalenante il 6/07 alle 20:00 per poi, in caso di passaggio del turno giocarsi il pass per la finale contro l’Uruguay (con Cavani in infermeria) o Francia che brilla con il suo talento Kylian Mbappé.

La seconda parte di Russia 2018 si preannuncia così ricca di colpi di scena con tutte le otto squadre rimaste pronte a darsi battaglia pur di arrivare il 15 luglio al Lužniki di Mosca a giocarsi la finale, quella che per molti è il sogno di una vita.