lunedì, Settembre 28, 2020
Home IL FORMAT Casellati: seconda carica dello Stato colma di ombre

Casellati: seconda carica dello Stato colma di ombre

-

Verrebbe da esclamare: Finalmente! Una donna eletta seconda carica dello Stato che, in caso di impedimento, subentra al Presidente della Repubblica. Una conquista per le donne esattamente dopo 72 anni, la stessa età di Maria Elisabetta Alberti coniugata Casellati. Chissà se ne passeranno altrettanti prima di vedere una donna alla Presidenza del Consiglio e, perché no, della Repubblica.

È stato detto della Casellati che è un alto profilo istituzionale, una garanzia. Nel suo discorso ha elogiato le donne che hanno costruito l’Italia di oggi, e ha aggiunto, che nessun traguardo è precluso. Si è battuta in difesa dei diritti delle donne, dalle quote rosa alla legge sullo stalking. Maria Elisabetta Casellati è una forzista della prima ora, avvocato matrimonialista ed una laurea in diritto canonico conseguita presso la Pontificia Università Lateranense. Coniugata con l’ avvocato Giambattista Casellati con il quale gestisce uno studio a Padova, madre di Alvise e Ludovica, entrambi laureati in giurisprudenza hanno scelto carriere differenti: il primo è direttore d’orchestra e la seconda attualmente giornalista.

È stata sottosegretario per ben tre volte nei governi di Berlusconi ed è membro del CSM dal 2014. Di sicuro i grillini si sono tappati ben bene il naso per votarla, contrari ad ogni clientelismo ed ostili a Berlusconi, hanno votato chi ha fatto assumere la figlia al ministero e la più grande sostenitrice del Cavaliere. Certo, la politica è fatta di accordi più o meno leciti, e il Movimento Cinque Stelle si è scoperto un partito completamente diverso di come ce l’hanno raccontato .

Casellati garante delle donne; ma è realmente così dalla parte delle donne la nuova Presidente del Senato? Ha firmato la proposta di legge per abolire la Legge 194 sull’interruzione di gravidanza, si è espressa, inoltre, negativamente sulla pillola abortiva RU 486 definendola: “Un gravissimo errore che strizza l’occhio alla cultura della morte”. È favorevole alla riapertura delle case chiuse, forse perché così il presidente del suo partito non deve andare più a caccia in Via Olgettina?

Chi vorrebbe cancellare due conquiste, condivisibili o meno, della libertà femminile può ritenersi davvero dalla parte delle donne? Con altrettanto ardore si è espressa contro le unioni civili tra persone dello stesso sesso: “In alcun modo equiparabili al matrimonio”. E sull’adozione del figlio del partner asserendo che: “Lo Stato non può far crescere un minore in una coppia che non sia famiglia”. Garante si, ma del capo del suo partito!

Una grande attivista e sostenitrice di Berlusconi contro le toghe sporche, fautrice delle leggi ad personam, collaboratrice fattiva del ddl sul processo breve che avrebbe cancellato tra gli altri, i processi Mills e Mediaset. Partecipò, inoltre, alla marcia sul Tribunale di Milano per protestare contro il processo Ruby. Si è vestita a lutto, insieme ad altre colleghe di Forza Italia, il 27 novembre 2013 quando il Senato votò la decadenza di Silvio Berlusconi. Una Berlusconiana tutta d’un pezzo che, nonostante si dichiari dalla parte delle donne, passa sopra alle battute sessiste solite del suo leader.

Una donna che ha lavorato per gli interessi del paese come della sua famiglia: nel 2005, quando ricopriva la carica di sottosegretario al Ministero della Salute, fece assumere la figlia Ludovica a capo della segreteria ministeriale con uno stipendio di 60mila euro l’anno. Non bisogna essere maliziosi, Ludovica è stata assunta per meriti essendo alle dipendenze di Berlusconi in Publitalia, la concessionaria di Mediaset. Ludovica Casellati è tornata alla corte di Silvio a Mediaset dove è giornalista in Tgcon24 e scrive, inoltre, per familygo.ue2 e collabora dal 2014 con l’ufficio stampa del Ministero dell’Ambiente.

Una conquista per le donne la sua elezione a seconda carica dello Stato ma, non c’è molto da gioire viste le sue posizioni espresse che porterebbero indietro i diritti delle donne di 40 anni.

4,103FansLike
1,170FollowersFollow
- Advertisment -

I Più Letti

Visco: “Con Recovery recuperare ritardi istruzione e ricerca”

0
"Ne va della credibilità di questo governo e di tutto il sistema Paese. Non possiamo fallire su questo progetto" di Recovery plan.Lo dice il...

editoriale

Il nuovo dramma delle donne migranti negli USA: la sterilizzazione

0
Secondo un rapporto riferito, dozzine di donne migranti detenute in un centro di detenzione negli Stati Uniti hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere...