Il provvedimento della legittima difesa in discussione

Aperte le consultazioni alla Camera, il PD s'impone FI e Lega si consultano.

745

Verrà considerata legittima difesa, – la reazione ad un’aggressione commessa di notte ovvero la reazione a seguito dell’introduzione nei luoghi con violenza alle persone o alle cose ovvero con minaccia o con inganno – si tratta, dunque, delle rapine notturne perpetrate nelle case. Lo prevede un emendamento della commissione alla proposta di legge sulla legittima difesa su cui è in corso l’esame nell’Aula della Camera. La modifica raccoglie l’accordo di tutti, ma la Lega Nord chiede più tempo per esaminare le modifiche. Un altro emendamento della commissione precisa l’esclusione della colpa di chi reagisce in situazioni comportanti un pericolo attuale per la vita, per l’integrità fisica, per la libertà personale o sessuale.

La norma sulle rapine notturne su cui c’è la convergenza della maggioranza e di Forza Italia, viene spiegato, si rifà ad una analoga previsione vigente nella legislazione francese, che prevede appunto la legittima difesa per l’atto di respingere aggressioni perpetrate di notte con aggressione, violenza ed inganno. La norma è sostanzialmente sulla scia di quanto previsto da emendamenti precedentemente presentati da Ap e FI. Le spese legali di chi dovrà affrontare un processo per legittima difesa saranno a spese dello Stato: lo prevede un emendamento della commissione al testo il cui esame è in corso nell’Aula della Camera. Per il 2017 gli oneri previsti a tale scopo ammontano a 295mila euro.

Secondo Berlusconi il PD e le altre forze di maggioranza non hanno saputo o voluto scrivere una legge che rispondesse davvero alle esigenze dei cittadini onesti, una legge in grado di tutelare le persone per bene, quando sono aggredite, quando vedono minacciata la propria incolumità, quella dei propri familiari, o i propri beni. Certamente, ribadisce Berlusconi, FI non sponsorizza per la difesa “fai da te”, ma di fronte al pericolo dev’essere garantito il diritto alla difesa. Un diritto, questo, che molto probabilmente potrebbe i cittadini ad armarsi; un dato che dovrebbe far riflettere. Basti pensare che negli Stati che adottano l’auto difesa, solo nel 2016, ha sottolineato un alto tasso di mortalità da arma da fuoco per eccessiva difesa.