fbpx
adv-199
<< POLITICA

Sardegna, Veneto, Liguria e Lombardia: “Proposte chiare sulla riapertura delle Regioni”

| 29 Maggio 2020 | POLITICA

“Dal ministro Boccia non ci saremmo aspettati l’inutile litania neocentralista che vuole riaffermare una supremazia prepotente dello Stato rispetto alle Regioni nell’architettura della Repubblica come definita da novellato titolo V”.

Così il governatore della Sardegna Christian Solinas commenta le dichiarazioni del ministro sull’incostituzionalità del passaporto sanitario. “Dal ministro ci saremmo aspettati, a pochi giorni dal 3 giugno, una proposta di soluzione chiara sulle riaperture tra Regioni”

“Spero che si possa viaggiare dal 3 giugno. Ormai ci sono le condizioni epidemiologiche e la situazione sanitaria è tranquilla, io tifo perché tutte le regioni possano aprire e ci sia libera circolazione”.

adv-544

Lo ha affermato il presidente del veneto Luca Zaia, intervistato a “Mattino cinque”. “E’ difficile immaginare – ha precisato Zaia – che il virus si fermi a Sirmione e non vada a Peschiera, che è il nostro confine con la Lombardia. Penso che sia ragionevole pensare che si debba aprire tutti, nel rispetto delle linee guida, nel rispetto degli indicatori che ci verranno dati dall’Iss. La responsabilità prima di tutto”.

A livello continentale Zaia ha auspicato che “ci sia un minimo di coordinamento e si dia vita a una ‘Schengen sanitaria’, visto che stiamo assistendo a dibattiti su corridoi privilegiati rispetto ad alcune realtà”, ha concluso.

“I dati del Ministero della Salute mostrano un trend positivo in Liguria per tutti gli indicatori dell’epidemia di coronavirus. È il risultato del monitoraggio della fase 2. L’R(t), l’indice di contagio, è compreso tra 0,41 e 0,58, ben al di sotto della soglia di allarme”. E’ l’aggiornamento sull’indice di contagio di Covid-19 in Liguria illustrato dal presidente della Regione Giovanni Toti alla vigilia della possibile riapertura dei confini regionali.

“I dati del Ministero ci dicono che per tutti gli indicatori non ci sono allarmi. Sono ottimi gli indicatori che valutano la qualità del monitoraggio, la circolazione e la pressione sul sistema sanitario regionale. Questi sono i fatti. Agli altri lasciamo l’allarmismo, il terrorismo, le gufate e il tifo politico che acceca a tal punto da sperare che le cose vadano male. Qui siamo ripartiti, in sicurezza e andremo avanti così, senza abbassare la guardia! Forza liguri che ce la facciamo!”.

“Sono convinto che dal 3 giugno i lombardi saranno liberi di circolare in tutta Italia”. Lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana in diretta Facebook spiegando che i dati sono “tutti positivi e in miglioramento”.

Per questo crede che “la Lombardia rientrerà sicuramente nel novero delle regioni che avranno libertà di movimento”, ha aggiunto. “Abbiamo esaminato i dati relativi alla Regione Lombardia che abbiamo inviato all’istituto superiore di sanità – ha spiegato Fontana – e abbiamo potuto evidenziare come siano tutti estremamente positivi e tutti in miglioramento rispetto alle precedenti settimane questo vuol dire che la situazione sta sostanzialmente migliorando”.

“Credo quindi – ha aggiunto – che in previsione del provvedimento governativo in cui si stabilirà la riapertura delle singole Regioni, la possibilità di circolazione tra le diverse regioni credo che la Lombardia rientrerà sicuramente nel novero delle regioni che avranno libertà di movimento”.

Il governatore si è detto “molto confidente sul provvedimento che verrà emanato dal governo”. “E sono convinto – ha concluso – che dal 3 i lombardi saranno liberi di circolare in tutta Italia”.

TAG: #Liguria, Governatori, Lombardia, Regioni, sardegna, veneto
adv-997
Articoli Correlati