Emilia Romagna, sindaco Jolanda pubblica conversazione con Bonaccini

165
Paolo Pezzolato

“Il presidente Bonaccini, senza alcuna ragione istituzionale, mi telefonò alle ore 9.44 del 20 dicembre scorso dicendomi, fra l’altro, queste testuali parole ‘io ieri sera ho parlato con Elisa… dalla telefonata non mi ha detto che si candida con la civica della Borgonzoni… se la scelta è quella è chiaro che poi succede qualcosa nei rapporti con voi… te lo volevo dire perché se è così se per caso vinco io come è probabile dopo però non mi cercate più’ io non ho detto che deve candidarsi con me… diceva di no punto… sto dicendo che se me la ritrovo candidata di là… io il punto è parlane con lei e dille che ti ho chiamato… la cosa che dico solo è che dal candidarsi con me al trovarmela di là… chiaro che dopo allora c’è un giudizio”, tanto che mi sentivo messo nelle condizioni di rispondere che le avrei parlato”.

Il sindaco di Jolanda di Savoia, Paolo Pezzolato, pubblica la conversazione con Stefano Bonaccini, registrata il 20 dicembre, alle ore 9.44. “Ho ribadito più volte che non c’entravo nulla in quella discussione politica legata alla scelta della Trombini ma alla fine è risultato chiaro il senso di quella telefonata, tendente a farmi convincere Elisa a non candidarsi con nessuno se non volevo avere ritorsioni come Sindaco di un piccolo Comune di tremila abitanti (come il Governatore lo ha definito recentemente) di certo bisognoso di supporto dalla Regione” aggiunge il primo cittadino che ha presentato l’esposto.