Rimborsi, M5S cambia lo Statuto

I fondi residui non andranno più a Rousseau in caso di scioglimento del Comitato

282
Rimborsi M5S

Il nuovo Statuto del Comitato per le rendicontazioni o rimborsi del M5S cambia. Tra le modifiche proposte dal capo politico Luigi Di Maio. approvate il 10 gennaio, la più significativa riguarda l’ultimo comma dell’articolo 16. “In caso si scioglimento del Comitato – è scritto – i residui fondi a disposizione non siano devoluti all’associazione Rousseau, bensì a favore della microimprenditorialità”.

Inoltre, viene esteso l’oggetto dell’organismo “anche ai parlamentari europei” riservandosi la “facoltà di utilizzo per i portavoce regionali”. Con la modifica del regolamento entrano a far parte del direttivo del Comitato, insieme al presidente Luigi Di Maio, anche i capigruppo di Camera e Senato Davide Crippa e Gianluca Perilli che sostituiscono gli ex capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli.

L’atto, sottoscritto davanti al notaio Luca Amato, prevede che “tutte le somme ricevute dal Comitato dovranno essere versate al Fondo appositamente costituito per il Microcredito o agli enti e soggetti individuati dagli iscritti al M5S previa consultazione online”. La durata del Comitato è prevista per statuto fino al “novantesimo giorno successivo al termine della XVIII legislatura, coincidente con lo scioglimento delle Camere e comunque sino all’integrale utilizzo dei fondi impegnati”.