Il sindaco di Bibbiano ha querelato Luigi Di Maio

46

Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti, sospeso dal Pd, ha querelato 147 persone tra cui anche Luigi Di Maio. Lo si apprende dal Giornale.it

Il primo cittadino, agli arresti domiciliari per abuso d’ufficio e falso ideologico nell’ambito dell’inchiesta “Angeli e demoni”, ha ritenuto lesivi, offensivi e addirittura minatori alcuni post comparsi sui social da quando è scoppiato lo scandalo.

Tra questi c’è anche l’ormai noto videomessaggio del capo politico del M5S che, prima della nascita del ‘governo giallorosso’, assicurava:”Col Pd non voglio avere niente a che fare”. E ancora: “Col partito che fa parte dello scandalo di Bibbiano, con i bambini tolti ai genitori e addirittura sottoposti a elettroshock e mandati a altre famiglie, con il sindaco Pd che è coinvolto in questo, non voglio avere niente a che fare”. Come si legge sulla Gazzetta di Reggio gli avvocati di Carletti, Giovanni Tarquini e Vittorio Manes, hanno presentato alla Tribunale della Libertà un ricorso contro i domiciliari del loro assistito e su un ricorso della Procura che ne aveva chiesto l’arresto, negato dal Gip, in un altro filone. Ora agli investigatori spetta l’arduo rintracciare le 147 persone querelate e capire a chi corrispondono i relativi nickname.