Moto d’acqua: sarà punito il poliziotto che ha permesso il giro al figlio di Salvini

3430

Tempismo perfetto? Questo non ci è dato sapere. Nella mattinata di ieri, sarebbe arrivata presso la Questura di Livorno, una missiva da parte del Ministero dell’Interno, in cui si chiede una punizione esemplare per il poliziotto che ha permesso al figlio di Matteo Salvini di fare un giro sulla moto d’acqua lo scorso mese di luglio.

Il poliziotto, in servizio presso la Polmare di Piombino, sarebbe stato convocato dal Questore che gli ha comunicato il provvedimento, a quanto pare, appoggiato e condiviso dal vicario di Livorno.

La questione all’epoca suscitò diverse polemiche e fu lo stesso Capo della Polizia Franco Gabrielli a sostenere che fosse stata troppo amplificata, in quanto diversi ragazzini hanno sempre voluto posare per una foto o fare un giro sui mezzi in dotazione alla Polizia di Stato.

Lo stesso Gabrielli disse altresì che la sua unica preoccupazione, era quella di una limitazione della libertà di stampa, relativamente al presunto abuso nei confronti del cronista che stava documentando l’accaduto e che, da quanto ha raccontato, sarebbe stato minacciato da alcuni poliziotti presenti in spiaggia.