Show in Nations League di Cristiano Ronaldo, che realizza una tripletta e manda la Seleção Portuguesa de Futebol in finale.

Gara più complicata del previsto per gli uomini di Fernando Santos che sbloccano la gara al 25° con Ronaldo.

Nella ripresa, Ricardo Rodriguez, terzino del Milan, realizza il penalty dell’1-1.

La gara resta in equilibrio per tutta la ripresa. Nel finale è il centravanti della Juventus a realizzare due gol in due minuti e a portare a casa la vittoria.

Nell’altra semifinale match ricco di emozioni.

Ritmi forsennati da entrambe le parti, con gli Orange che dominano per tutto il primo tempo.

Al 32° però  De Ligt, perde palla su Rashford in area di rigore, lo stende a terra e regala il penalty agli inglesi.

Dal dischetto ci vá il centravanti del Manchester United, che spiazza Cillessen e porta in vantaggio l’Inghilterra.

Nella ripresa, l’Olanda, trova il gol del pareggio dagli sviluppi di un corner.

De ligt, salta più alto di tutti, anticipa Stones e si fa perdonare l’errore del primo tempo  portando il match ai supplementari.

Nell’extra time, l’Inghilterra sparisce dal campo e commette due errori gravissimi che costano la gara.

Prima Stones perde palla su Depay che da solo davanti a Pickford si fa ipnotizzare, sulla palla però arriva Promes che in scivolata fa carambolare la palla su Walker e realizza il 2-1.

Successivamente, nella ripresa, è Barkley a regalare la palla a Depay che la mette al centro con Promes che a porta vuota chiude la gara realizzando il gol del 3-1.

Domenica sera, allo stadio do Odragao, in scena la finale tra Portogallo e Olanda, Ronaldo contro Depay, Van Dijk contro Pepe.

La finale per il terzo e quarto posto si giocherà Domenica alle 15:00, allo stadio Alfonso Henriques.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSanzioni alla Russia: che fare?
Prossimo articoloMeditare fa bene. Ancora una volta la conferma viene dalla scienza
mm
Gennaro Zaccaria, nato a Napoli, sono un ragazzo che fin da piccolo ha sempre avuto una passione smisurata per lo sport. Ero solito fare la telecronaca delle partite viste in tv già all'età di 5 anni. Lo sport per me è passione, amore, una fede. Il mio sogno è sempre stato quello di diventare giornalista già da quando muovevo i primi passi. Il giornalismo non è un mestiere ma un amore viscerale che parte dal cuore, è una passione che scorre nelle mie vene.