A due giornate dalla fine, la Serie A attende ancora di conoscere le quattro squadre che parteciperanno alla prossima Champions League e chi verrá retrocesso in Serie B.

Il Parma perde il derby con il Bologna e rischia grosso, dopo un inizio di campionato suntuoso. I rossoblù vincono 4-1 con due autogol (Sepe e Sierralta) e con i gol di Orsolini e Lyanco e sono praticamente ad un passo dalla salvezza.

L’Empoli espugna Marassi vincendo per 2-1. Decisive le reti di Farias e di  Di Lorenzo. Nel finale, per la Sampdoria in gol il solito Quagliarella.

Polemica nel post partita di Preziosi, perché, a detta sua, la Sampdoria si sarebbe scansata per mettere in difficoltà il Genoa nella lotta alla salvezza.

Genoa che perde a Modena contro l’ Atalanta.

I bergamaschi, costretti a giocare sul campo del Sassuolo per i lavori in corso all’Atleti Azzurri d’Italia, con le reti di Castagne e di Barrow nella ripresa, annichiliscono gli uomini di Prandelli e consolidano il quarto posto.                    Inutile la rete nel finale di Pandev del 2-1.

l’Udinese espugna il Benito Stirpe, battendo 1-3 il Frosinone già retrocesso. Gli uomini di Tudor superano il Genoa in classifica grazie alle reti di Samir e la doppietta di Okaka. Dionisi segna il gol della bandiera nel finale.

Lotta serrata per un posto in Champions League

Il Milan risponde alla vita dell’Atalanta espugnando il Franchi, contro una Fiorentina che continua a perdere del 17 Febbraio.

Il gol decisivo lo sigla il turco, Hakan Calhanoglu, di testa su croos di Suso. Inutile l’assalto d’orgoglio nel finale della viola, il diavolo vince per 1-0.

Nel posticipo della Domenica, la Roma soffre tantissimo in casa contro la Juventus. Un super Mirante respinge gli attacchi bianconeri e nel finale di secondo tempo, con Florenzi e Dzeko, la Roma porta a casa tre punti pesantissimi.

L’Inter, nel Monday Night, batte il Chievo per 2-0 facendo un piccolo passo in avanti nella lotta alla Champions League.

Nel primo tempo Politano sblocca la gara.  Nella ripresa è Ivan Perisic a mettere il sigillo finale sulla gara.

La Lazio cerca di restare attaccata al treno Champions, battendo il Cagliari per 1-2.  Gli uomini di Inzaghi sbloccano la gara con Luis Alberto. Nella ripresa, Correa mette la propria firma nel match portando la Lazio in doppio vantaggio.

Nel finale Pavoletti trova il gol del definitivo 1-2 con una bellissima girata che lascia di stucco, un super Proto.

Il Torino dà spettacolo allo stadio Grande Torino battendo il Sassuolo in un roccambolesco 3-2.

I neroverdi vanno due volte in vantaggio con Bourabia e Lirola ma vengono ribaltati dalla rete di Zaza e dalla doppietta del gallo Belotti, che come lo scorso campionato, con una rovesciata spettacolare, manda in visibilio i tifosi granata.

Il Napoli vince di carattere sul campo della Spal.

Gli uomini di Ancelotti passano con Allan ad inizio ripresa. All’83° follia di Luperto che stende Petagna in area, l’arbitro non ha dubbi e assegna il penalty, trasformato dallo stesso ex Atalanta.

Nel finale il Napoli prova a vincerla a tutti i costi e con una botta di Mario Rui sotto la traversa, gli azzurri passano nuovamente in vantaggio. Inutile il forcing finale degli spallini che si infrange contro il muro azzurro Alex Meret, protagonista di parate fenomenali.