La Juventus va a Firenze a dettare legge e travolge la Fiorentina vincendo 3-0. Al Franchi i viola iniziano bene ma la forza fisica e mentale della squadra di Allegri gli permettono di travolgerli. Sblocca la gara Bentancurt, su assist di Dybala. Nella ripresa Chiellini fa 2-0 con un gol molto fortunoso. A chiudere i giochi ci pensa, dal dischetto, Cristiano Ronaldo.

Negli anticipi del Sabato, è spettacolo nella sfida salvezza di Ferrara tra Spal ed Empoli. Gli spallini, passano in vantaggio con Kurtic dopo 8 minuti, ma la reazione dell’Empoli non tarda ad arrivare ed al 24° pareggia il solito Caputo. Dieci minuti piu tardi, Krunic ribalta la partita e si va al riposo sull’1-2. Nella ripresa la Spal riesce a pareggiare con Kurtic, nonostante l’inferiorità numerica, per il 2-2 finale. Al Ferraris il Bologna viene travolto 4-1 della Sampdoria, in gol Quagliarella (doppietta), Praet, Ramirez, per il Bologna in gol l’ex di turno, Poli.

Nelle gare della Domenica, nel Lunch Match, il Milan ribalta l’iniziale vantaggio del Parma di i Rober Inglese, grazie ai gol di Patrick Cutrone e al rigore trasformato da Kessie. Alle 15:00 il Sassuolo non va oltre lo 0-0 in casa contro l’Udinese di De Nicola. L’allenatore ex Crotone, sembra aver ridato le giuste motivazioni all’Udinese per raggiungere la salvezza. Al Benito Stirpe di Frosinone, il Cagliari pareggia per 1-1. A sbloccare la gare ci pensa Cassata per il Frosinone, al suo primo gol in serie A. I Sardi trovano il pari negli ultimi 15 minuti di gara con Farias. Allo Stadio Grande Torino, il toro ribalta la gara in 3 minuti. Il Genoa in 10 contro 11 sblocca la gara con il solito Kouame. Ma negli ultimi 3 minuti la squadra di Juric, stacca la spina e prima Ansaldi pareggia la gara, poi dopo nemmeno un minuto Sandro mette giù Iago Falque in aria di rigore. Per Mariani non ci sono dubbi e calcio di rigore. Dal dischetto va Belotti e realizza il definitivo 2-1.

Alle 18:00 il Chievo ferma anche la Lazio di Inzaghi. Un grandissimo primo tempo dei gialloblù, regala il gol del vantaggio a Pellissier, poi raggiunto nella ripresa dal capolavoro del solito Immobile.

Nel posticipo serale della Domenica. L’Inter si fa raggiungere due volte dalla Roma. La squadra di Spalletti, va in vantaggio con Keita Baldè, ma viene raggiunta nella ripresa dal capolavoro di Under. Le due squadre non si risparmiano e la partita va avanti con azioni da una parte e dall’altra. Al 66° Icardi di testa regala il nuovo vantaggio ai nerazzurri su croos do Brozovic, ma 8 minuti piu tardi la VAR concede un rigore netto alla Roma trasformato da Kolarov. All’Olimpico finisce 2-2. La Roma può recriminare per un rigore netto non dato sul risultato di  0-0 per fallo di D’Ambrosio su Zaniolo. Il calcio italiano continua a dimostrare di essere indietro anni luce, ai massimi campionati europei, visto che un rigore così solare va rivisto almeno al VAR, gravissimo l’errore di Rocchi.

A chiudere la 14° giornata ci sara nel posticipo serale del Lunedí, la gara tra Atalanta e Napoli.