Un super Napoli, abbatte l’aquila laziale e porta a casa tre punti essenziali, in virtù anche del pareggio casalingo dell’Inter contro il Sassuolo. Gli azzurri senza Koulibaly, Allan e Insigne squalificati e Hamsik infortunato, danno una prova della loro forza di squadra, con le seconde linee che giocano un calcio suntuoso. Fabian Ruiz è il mattatore dell’arena con movimenti a tutto campo e con palloni smistati a destra e a manca. La gara viene sbloccata da Josè Callejon, in gol dopo 8 mesi di digiuno, che sfrutta un assist di Mertens e di desto desto batte Strakosha. Non passano nemmeno due minuti e il Napoli raddoppia, con il sinistro educatissimo di Arek Milik che dal limite disegna un arcobaleno da calcio piazzato e lascia di stucco l’estremo difensore biancoceleste. La Lazio nella ripresa mette dentro Correa, che da una marcia in più agli uomini di Inzaghi e serve l’assist per il 2-1  di Ciro Immobile. Nel finale espulso Acerbi. Il Napoli batte meritatamente la Lazio, ma lo score finale poteva essere molto più largo visti i quattro legni colpiti dagli azzurri e le parate spettacolari di Strakosha e Meret.

Duvan, Duvan, Duvan e ancora Duvan, l’Atalanta parla colombiano con il suo centravanti inarrestabile. A Frosinone segna in tutti i modi possibili, di sinistro, di destro e due volte di testa. Impetuo, tecnica, forza fisica un titano insomma che si abbatte sulla difesa del Frosinone. Allo stadio Benito Stirpe, finisce 5-0 per i nerazzurri a segno anche Mancini.

Pareggio pirotecnico al Franchi tra Fiorentina e Sampdoria. La viola sblocca la gara con Luis Muriel al ritorno in Serie A. Il colombiano segna contro la sua ex squadra e non esulta. Cinque minuti piu tarsi suicidio di Fernandes che gia ammonito travolge Praet a centrocampo e si fa espellere. La Fiorentina accusa il colpo e la Sampdoria pareggia con una punizione spettacolare di Gaston Ramirez che bacia il palo e batte Lafont. Nella ripresa la Fiorentina trova nuovamente il vantaggio con ancora Muriel che in contropiede salta mezza difesa della Samp e con un diagonale non lascia scampo ad Audero. La Samp non si arrende e complice anche la follia di Vitor Hugo, che tocca una palla filtrante con una mano in area di rigore, regala il pareggio, dal dischetto, a Fabio Quagliarella. L’attaccante napoletano si ripete quattro minuti più tardi con un gol spettacolare. Stop in mezzo a due difensori della viola, di fisico resiste a Vitor Hugo e in scivolata batte ancora una volta Lafont per il 2-3 blucerchiato. Il risultato sembra essere orientato verso il trionfo di Giampaolo e dei suoi uomini ma al 93′ Pezzella rovina i piani della Samp e su un croos deviato di Chiesa in estirada fa 3-3.

Nell’anticipo del Sabato la Roma batte il Torino 3-2. Zaniolo sblocca la gara, e Kolarov raddoppia dal dischetto. Nella ripresa la squadra giallorossa si rilassa e il toro prima rientra in partita con Rincon e poi addirittura pareggia con un sinistro micidiale al volo di Ansaldi da fuori area. Di Francesco corre subito ai ripari e mette dentro Schick che appena entrato, con un cambio di gioco perfetto smarca Pellegrini che d’esterno manda in porta Stephan El Shaarawy che da solo davanti a Sirigu non sbaglia e regala tre punti preziosissimi alla Roma.

Il Parma espugna la Dacia arena con i gol di Inglese e Gervinho. L’attaccante in prestito dal Napoli, non sbaglia dal dischetto e regala il momentaneo vantaggio agli Emiliani. I bianconeri riescono a trovare il pareggio con un gol fortunoso dell’ex Watford, Stefano Okaka. Nel finale di primo tempo si scatena Gervinho che parte dalla sua trequarti campo, salta due difensori friulani, e a tu per tu con il portiere lo salta e appoggia in rete il gol finale dell’1-2 finale.

Giornata di pareggi in Serie A, finisce 0-0 a Milano, la sfida tra Inter e Sassuolo. Pareggio giusto in virtù di una gara molto equilibrata che resta senza reti grazie ad un super Handanovic e uno strepitoso Consigli. Pari anche tra Spal – Bologna e Cagliari – Empoli. A Ferrara il bologna passa in vantaggio con Rodrigo Palacio, e sfiora più volte il raddoppio nel primo tempo. Nella ripresa la Spal riesce a pareggiare grazie ad un incornata dell’ex Atalanta, Kurtic. Alla Sardegna Arena pari spettacolare tra Cagliari ed Empoli. Pavoletti sblocca la gara con un incornata di testa al 38°, che non lascia scampo a Provedel. Nella ripresa l’Empoli è meno sprecona e prima raggiunge il pari con Di Lorenzo e poi ribalta la gara con un superlativo Zajc. Nel finale, quando tutto sembrava finito, spunta il lampo vincente di Farias, che approfitta di un indecisione della difesa empolese e d’esterno batte il portiere e sigla il gol del 2-2 finale.

Oggi, a chiudere la 20° giornata di Serie A, ci saranno i posticipi tra Genoa e Milan alle 15:00 e Juventus – Chievo alle 20:30.