Domenico Bigordi, detto il Ghirlandaio, nasce a Firenze in una famiglia agiata. Il padre era molto conosciuto a Firenze per la sua importante gioielleria dove suo figlio Domenico incominciò a lavorare come orafo. Il suo soprannome “Ghirlandaio “ deriva dal fatto che l’attività del padre si impegnava nella lavorazione di ghirlande d’argento che venivano indossate dalle damigelle fiorentine. Dopo alcuni anni il giovane Domenico si avvicinò alla pittura e al mosaico conoscendo anche noti pittori come Alesso Baldovinetti  che gli insegnò molte tecniche riguardanti la pittura. La sua grande capacità artistica incominciò a maturare quando gli venne affidato il suo primo incarico ovvero di decorare con affreschi la cappella di Santa Fina. Dopo quel primo incarico il pittore venne chiamato per altri affreschi nelle chiese di Firenze, conoscnedo anche altri pittori famosi.  Nel 1481 venne convocato a Roma per dipingere alcuni affreschi importanti nella cappela Sistina; infatti la sua tecnica è presente nella “Resurrezione” e nella “Vocazione dei primi apostoli” , due importanti affreschi che portarono il Ghirlandaio a studiare la scena ed a usare tecniche diverse nei colori e nelle espressioni che non saranno presenti nelle sue opere successive. Rientrato a Firenze il pittore venne sommerso di grandi richieste che lo videro impegnato nella formazione di affreschi e mosaici.  L’11 gennaio 1494 il Ghirlandaio morì per  febbri pestilenziali. L’attività artistica di Ghirlandaio durò appena un ventennio . Divenendo un grande interprete della sensibilità luminosa e della coerenza prospettica, riuscì nel compito di infondere nello spazio l’aria e l’atmosfera come se circolassero liberamente. Accostò alle scene sacre elementi  tratti dalla vita quotidiana, soprattutto legati alla rappresentazione dei committenti, che si vedevano così gratificati e al tempo stesso esaltati agli occhi del popolo. il Ghirlandaio è stato il primo ad escludere dalle sue pitture l’uso della doratura, rappresentando in modo realistico qualsiasi oggetto dovesse essere dorato, anche se con alcune importanti eccezioni.

CONDIVIDI
Articolo precedentePremio Picasso
Prossimo articoloVent’anni di Euro fra progresso e scetticismo
mm
Nato ad Alatri il 01/03/1999 Diplomato presso l' Istituto d'istruzione superiore Martino Filetico sez. I.T.E. Interessi verso la cultura, poesia e romanzi.