La spesa degli Italiani per il Natale 2018

Mancano pochi giorni al 25 dicembre e tutti sono in cerca degli ultimi regali da mettere sotto l’albero. Tra coloro che giocano in anticipo, acquistando settimane prima i regali di Natale, ci sono molti però che si riducono agli ultimi giorni. Vediamo quanto spenderanno gli italiani per il Natale 2018.

L’Ufficio Studi di Confcommercio ha analizzato la spesa degli italiani per questo Natale: si spenderanno 171 euro a testa e 1400 a famiglia. Numeri che si attestano più o meno stabili rispetto al 2017. Tuttavia, come ha affermato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, per le famiglie italiane non sarà un Natale austero, anche se in molte risparmieranno.

Dall’analisi di Confcommercio sono emersi altri dati importanti:

  • il valore economico del mese di dicembre;
  • i prodotti maggiormente acquistati dagli italiani;
  • la propensione agli acquisti durante le Festività.

Cosa si acquisterà per il Natale 2018

Secondo l’analisi di Confcommercio, il mese di dicembre è il più importante dell’anno. Per le spese al dettaglio il mese di dicembre rimane quello più importante di tutti. Infatti, le vendite di questo periodo rappresentano più del 10% delle vendite annuali per un totale di consumi pari a 100 miliardi di euro. Ma gli italiani cosa acquistano di più a dicembre? I prodotti più venduti sono:

  • elettronica di consumo, prodotti per l’informatica, giocattoli e articoli per il tempo libero (13%);
  • abbigliamento e calzature (11%).

Propensione agli acquisti durante le Festività

La maggior parte degli Italiani quest’anno prevede un Natale dimesso. Infatti, dal 33,7% del 2009 si è giunti al 2018 ad una percentuale molto alta, pari al 70%. Numeri leggermente inferiori rispetto al 2017 (71,2%). Inoltre, l’86,3% degli intervistati effettuerà i regali di Natale, rispetto all’86,1% dell’anno scorso.

Dall’analisi di Confcommercio è emerso anche che il 44,8% ritiene i regali una spesa piacevole da fare. Si spenderanno, infatti, 171 euro a persona. Questa spesa pro capite è possibile anche grazie alle tredicesime. Infatti, l’ammontare delle tredicesime disponibile per i consumi è pari a circa 33 miliardi di euro.