Matteo Salvini, dove ci porta la “tolleranza zero”?

Matteo Salvini e la tolleranza zero

0
400
Matteo Salvini, Tolleranza zero

Da quando Matteo Salvini è diventato Ministro dell’Interno, si è assistito sempre più ad una prevaricazione dei valori improntati alla sicurezza.

La sicurezza come garanzia dal pericolo che, eventualmente, potrebbe minacciare l’essere umano alla prese con la sua normale vita quotidiana.

Ma la questione principale, quella cioè che sta alla base di tutto il ragionamento, è la seguente: Matteo Salvini è Ministro dell’Interno dell’attuale governo Conte. Perciò agisce bene quando imprime all’Italia quei connotati da nazione sicura.

Matteo Salvini
Matteo Salvini e lo sgombero del ghetto

Viaggiare sereni e tranquilli, camminare per strada senza timore di essere rapinati o derubati, alienare il diverso da noi perché portatore di criminalità: questi sono i concetti sui quali sta insistendo prepotentemente l’attuale governo, nel quale Matteo Salvini riveste un ruolo di prim’ordine.

Matteo Salvini
Matteo Salvini sulle politiche migratorie e dell’accoglienza in Svezia

Sicuramente Matteo Salvini è riuscito a dare una risposta al problema della sicurezza in Italia; ma probabilmente sarebbe meglio chiamarla come “percezione del problema della sicurezza“.

Nessuno vuol negare che esista la criminalità come fenomeno sociale: ma che questa criminalità venga portata agli estremi ed enfatizzata per tenere sotto controllo una larga fetta di assidui votanti leghisti, questo è ancor più deprecabile.

L’attuale momento storico ricorda molto il vecchio e studiatissimo modello politico de “Lo stato di polizia”; una tipologia di stato-nazione dove il controllo sulla società e sui suoi membri è talmente elevato da impedire l’esercizio delle libertà.

Una libertà che Matteo Salvini sembra voler salvaguardare solamente in parte.

Matteo Salvini
Matteo Salvini su ONG e Malta

Non sarà controproducente compensare una mancanza di “certainty” con un’eccessiva dose di “safety”?

La tolleranza zero è un modello al quale ambire, per uno stato realmente sicuro?

CONDIVIDI
Articolo precedenteCodici rossi e risse
Prossimo articoloL’Arca di Noè di Britten al Cilea diretta da Manuela Ranno
mm
Nato a Empoli (Fi), il 4 gennaio 1989. Diplomato al liceo classico-linguistico, laureando in scienze politiche, relazioni internazionali. Dopo una lunga esperienza come attivista politico, guida un partito politico giovanile a livello locale. Si dedica all’attività di articolista per svariati clienti e su svariati argomenti. Giornalista aspirante pubblicista. Appassionato e studioso di politica interna ed internazionale (e di tutto ciò che la concerne), sistemi politici, partiti politici, sistemi elettorali, relazioni internazionali, diritto internazionale e costituzionale, e molto altro.