I numeri mettono ancora paura, ma forse si sta sollevando una maggiore attenzione sull’argomento. In Europa quasi la metà dei fumatori ha perso il vizio tra il 1980 e il 2010: esattamente il 43% di 50 mila fumatori europei tra i 16 e i 60 anni. È la buona notizia che arriva da uno studio europeo che vede coinvolta anche l’Università degli Studi di Verona. La ricerca ha coinvolto i fumatori di 17 paesi europei ed è stata pubblicata sulla rivista PLOS ONE. Lo studio rientra nell’ambito del progetto Alec, Ageing lungs in european cohorts, coordinato dall’Imperial College di Londra ed è finanziato dall’Unione europea attraverso il bando Horizon 2020. “I nostri risultati – spiegano i ricercatori dell’ateneo scaligero coordinati da Simone Accordini – indicano che in Europa c’è una consapevolezza crescente degli effetti nocivi del fumo, soprattutto in gravidanza.

Infatti, la maggior parte delle donne smette di fumare attorno ai 30 anni, probabilmente in seguito alla prima gravidanza: 50 fumatrici su 1000 smettono ogni anno in Europa meridionale e 80 su 1000 in Nord Europa, e l’età in cui si smette tende a coincidere con l’età media della prima gravidanza nelle diverse regioni europee considerate (26-27 anni in Est Europa, 30-31 in Europa del Sud). Questo indica che proteggere il bambino durante la gravidanza è la motivazione più forte nella decisione di smettere di fumare per le donne”. Gli europei del Sud, però, restano meno consapevoli sui danni del fumo: in Scandinavia e Regno unito, ogni anno, 50 su 1000 fumatori smettono di fumare mentre in paesi quali Italia, Spagna, Portogallo, e dell’Est e dell’Ovest Europa, sono solo 30 su 1000 a dire addio alle bionde. “Serve, quindi – commenta Alessandro Marcon, tra gli autori dello studio – mettere in atto politiche più efficaci per ridurre ulteriormente il numero di fumatori in Italia e nel Sud Europa. Occorre inoltre aumentare gli sforzi per diminuire l’accesso al fumo nei più giovani, visto che, da quanto emerge dalle nostre ricerche, iniziare a fumare durante la prima adolescenza porta a una dipendenza più forte”.

Al mondo si contano oltre 1 miliardo di fumatori, che fumano circa 6 mila miliardi di sigarette all’anno; quindi, in media, ogni fumatore consuma circa 6.5 kg /anno di tabacco, con consumo medio di 1.600 sigarette l’anno. Dal 1970 il consumo di tabacco è cresciuto del 67%, anche in tutto il Mondo Industrializzato. Il nuovo obiettivo dei produttori di sigarette rimane il mercato cinese, dove 300 milioni di fumatori consumano 1.880 miliardi di sigarette l’anno. Un fumatore su quattro e’ cinese e il numero dei tabagisti in Cina sta aumentando costantemente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) le sigarette sono la causa del 20% delle morti nei Paesi sviluppati, oltre ad essere causa del 90-95% dei tumori polmonari, l’80-85% delle bronchiti croniche ed enfisema polmonare, il 20-25% degli malanni cardiovascolari. Ogni anno nel mondo perdono la vita circa 3.000.000 di persona a causa del fumo. Nei prossimi anni si consoliderà il trend nella caduta del consumo di tabacco nei paesi occidentali, cui farà riscontro un notevole aumento della diffusione del fumo nei paesi in via di sviluppo che costituiranno per anni un mercato di enormi proporzioni.

Le multinazionali del tabacco si stanno espandendo nei paesi in via di sviluppo e tra le popolazioni più deboli; a dimostrazione di ciò, la pubblicità del fumo, particolarmente attiva in Sud America, Paesi dell’Europa dell’Est.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLavoro, il M5S vorrebbe salari minimi come nel resto d’Europa
Prossimo articoloLa delegazione del presidente Guaido’ domenica arriva a Roma
mm
Marco Staffiero, il mio nome spirituale è Ardas Sadhana Singh. Sono laureato in Scienze Politiche - Relazioni Internazionali e dal 2009 sono iscritto all’ordine dei giornalisti del Lazio. Approfondisco come giornalista e studioso diverse tematiche, che riguardano le discipline olistiche, le medicine alternative, la sana alimentazione e il benessere psico-fisico. Sono insegnante certificato di Kundalini Yoga, il mio diploma è riconosciuto a livello internazionale dal KRI (Kundalini Research Institute) e dall’IKYTA (International Kundalini Yoga Teacher Associations) e a livello nazionale dalla UISP – Area Discipline Orientali. Collaboro on line con “Il Giornale dello Yoga“ e "Yoga Magazine". Con il quotidiano “L’Osservatore d’Italia” e con “Il Format info” mi occupo di malattie ambientali, elettrosmog e salute. Inoltre, sono responsabile della rubrica Benessere e Salute del quotidiano on line “Il Mamilio”. Attraverso la conoscenza di tematiche legate alla Geobiologia, collaboro con la Bioriposo, dove effettuo misurazioni (con degli strumenti tecnici brevettati) dei nodi di Hartmann, elettromagnetismo ecc. , dando vita a conferenze sull'argomento in vari centri olistici e non solo.