Il Ministro Salvini incontra i sindacati di Polizia. Paoloni (Sap): «Finalmente la sicurezza è priorità del Governo»

0
224

Si è svolto questa mattina l’incontro tra le organizzazioni sindacali di Polizia, il Ministro dell’Interno Matteo Salvini e il Sottosegretario Nicola Molteni, in ottemperanza al D.Lgs 195/95 che prevede la consultazione delle OO.SS da parte del Governo, in occasione della predisposizione della legge di bilancio.

Considerato che, lo scorso anno il Sap denunciò per condotta antisindacale l’allora Premier Gentiloni, questo segna già, dopo ben tre anni, il ritorno della sicurezza ai primi posti dell’agenda di Governo.

«Il Ministro Salvini ha illustrato quanto predisposto nella legge di stabilità, garantendo grande attenzione per uomini e donne in divisa – dichiara Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia – già il Decreto Sicurezza – prosegue – ha restituito dignità agli operatori delle forze dell’ordine, con l’inasprimento delle pene e revoca della protezione umanitaria per chi commette reati di resistenza, violenza, lesioni gravi o gravissime verso pubblici ufficiali, aprendo così la strada alla necessità di maggiori tutele per gli operatori di Polizia, come ad esempio l’introduzione delle telecamere su divise, auto di servizio e celle di siurezza; stanziando le risorse per pagar le ore di straordinario in esubero per l’anno 2018 e per dare avvio a un nuovo riordino delle carriere che, a differenza del precedente, si spera possa gratificare professionalmente ciascun appartenente. Non di minore importanza le risorse economiche destinate per gli equipaggiamenti e la manutenzione delle strutture. Finalmente un Governo – sottolinea Paoloni – che ha a cuore i tutori della legalità. In più – conclude -, è stata nostra premura sottolineare al Ministro la necessità dello scorrimento della graduatoria per il concorso da 1182 per il personale civile, considerato che molti ragazzi hanno ottenuto voti altissimi, e potrebbero essere avviati al corso, previa visita medica, sia per sopperire la vacanza organica generata da circa 2000-2500 pensionamenti previsti per il prossimo anno, sia per utilizzare al meglio i fondi stanziati appositamente per gli arruolamenti».