I sondaggi elettorali di marzo 2019, FdI, Lega, PD, Forza Italia, M5S

0
sondaggi elettorali marzo 2019 italia

Sondaggi elettorali di marzo 2019, intenzioni di voto in Italia

Agorà (nota trasmissione televisiva di approfondimento politico), su Rai 3, ha fatto trapelare gli ultimi sondaggi elettorali di marzo 2019.

Così si sono rimarcate in maniera netta le intenzioni di voto in Italia.

Un sondaggio che va preso con le pinze, proprio per la sua stessa natura di sondaggio o insieme di dati presi a campione. Ma che comunque evidenzia dei dati importanti.

Il sondaggio elettorale in esame è quello condotto da EMG ACQUA: rispetto ad una settimana fa, secondo i dati rilevati dalla stessa agenzia, la Lega si confermerebbe stabile al 31,2 % dei consensi, sull’intera penisola italiana, con un aumento dello 0,5 %.

In calo si conferma invece il M5S: se le elezioni si tenessero oggi, il Movimento otterrebbe un 23,8 %, un punto percentuale meno di una settimana fa.

A conti fatti, quindi, il consenso ai partiti di governo si attesterebbe sul 55 %.

E ora diamo uno sguardo alle opposizioni, se così si possono definire.

Il PD, cioè il maggior partito di opposizione attualmente, si attesterebbe ad un 18,2 % di consensi, con un aumento dello 0,3 % in una settimana.

Forza Italia recupera lo 0,4 % e si conquista il 10,7 % dei voti presunti. Mentre Fratelli d’Italia subisce una diminuzione dello 0,2 % attestandosi attorno al 5 %.

Infine, Più Europa – CD con Bonino, 3 %, MdP, Si, Verdi, 4 %, Potere al Popolo, 1,4 %.

A conti fatti, ipoteticamente questa maggioranza di governo tiene. Con il 55 % dei consensi, che può aumentare o diminuire a seconda di spostamenti di consenso di FDI o Forza Italia (inverosimilmente Forza Italia potrebbe appoggiare il governo pentastellato), gli attuali giallo-verdi governano forti del consenso della maggioranza della popolazione italiana.

Grazie soprattutto all’appoggio della Lega, che sembra non aver incontrato flessioni in termini di consenso, da un anno a questa parte.

Le opposizioni guardano invece maggiormente alla disgregazione dei consensi da parte del Movimento Cinque Stelle e puntano a far colpo sui delusi M5S.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCarnevale, tra Tradizione e consumismo
Prossimo articoloWhisky capitale, a Roma il festival con etichette da tutto il mondo
mm
Nato a Empoli (Fi), il 4 gennaio 1989. Diplomato al liceo classico-linguistico, laureando in scienze politiche, relazioni internazionali. Dopo una lunga esperienza come attivista politico, guida un partito politico giovanile a livello locale. Si dedica all’attività di articolista per svariati clienti e su svariati argomenti. Giornalista aspirante pubblicista. Appassionato e studioso di politica interna ed internazionale (e di tutto ciò che la concerne), sistemi politici, partiti politici, sistemi elettorali, relazioni internazionali, diritto internazionale e costituzionale, e molto altro.