I 4 segreti per un’alimentazione sana… svelati e rivelati da Roberta Picca, biologa-nutrizionista e farmacista

La nutrizionista Roberta Picca risponde a 4 quesiti impossibili a tema alimentazione: 4 segreti svelati e rivelati.

0
1732

Ciao Roberta, noi de ilFormat.info siamo contenti che tu abbia deciso di darci ulteriori delucidazioni a tema “salute e alimentazione”. A questo proposito, che cosa ne pensi delle informazioni (a tema salute, nutrizione e alimentazione) che spesso, navigando, troviamo su internet?

Roberta: “Ciao! Anche io sono molto contenta di poter collaborare ancora con ilFormat.info. Ciò  che penso sulle informazioni che troviamo online sul tema nutrizione e salute, non è diverso da ciò che penso in generale su ciò che troviamo in rete. Internet è una fonte sterminata ed immediata di informazioni che ci permette di accedere a dati che solo pochi anni fa erano inaccessibili ai più.

Il rovescio della medaglia è che praticamente tutti possono pubblicare tutto ed è per questo che non dobbiamo prendere per oro colato tutto ciò che leggiamo, solo perché pubblicato. Il mio consiglio è quello di controllare sempre l’attendibilità di chi scrive o pubblica, a maggior ragione sul tema salute”.

Apriamo un breve focus sull’alimentazione di vegetariani, vegani, carnivori ed onnivori: quale pensi che sia la migliore dieta da seguire per condurre una vita sana?

Roberta: “È molto difficile rispondere a questa domanda in poche righe… il significato etimologico di dieta corrisponde a “stile di vita”, in questo senso la dieta migliore è quella che prevede ovviamente cibo sano, affiancato da una regolare attività fisica, una buona qualità del sonno, una vita sociale e una spiritualità personale ben sviluppata e la mancanza di cattive abitudini, quali il fumo e l’alcool. Volendo aggiungere qualche dettaglio in più sull’alimentazione, ritengo che quella più’ salutare sia quella in linea con la nostra evoluzione e che quindi preveda carne, pesce, uova, frutta, verdura e tuberi. Parola d’ordine: qualità.

Invece di chiedersi perché un prodotto costi così tanto, dovremmo preoccuparci quando un prodotto alimentare costa troppo poco, perché è spesso sinonimo di prodotto scadente.

Infine, anche se l’Italia è il paese della pasta e della pizza, occorre rivederne la presenza eccessiva sulle nostre tavole, così come dei cereali in generale, specie se raffinati”.

E’ vero che la carne rossa e gli insaccati sono nocivi? Ed è vero che l’alimentazione di vegani e vegetariani non risponde ad un adeguato fabbisogno di proteine o di altri nutrienti fondamentali?

Roberta: “In effetti ci sono degli studi che evidenziano una correlazione fra consumo di carne rossa e carni conservate e aumento di rischio di cancro. È doveroso, però, informare le persone che questi studi non sono mai stati fatti su carni italiane e che si riferiscono soprattutto alle carni lavorate, come hot-dog e hamburger. Inoltre, c’è da chiedersi… cosa mangiavano le persone dello studio insieme agli hamburger? È, infatti, dimostrato che il rischio di ammalarsi vi è solo in chi ha un basso consumo di fibre vegetali, quindi di frutta e verdura.

Allora la dieta vegetariana è più sana? Certo che no, se diventa la fiera delle farine raffinate e delle verdure fritte. Le scelte etiche meritano sempre rispetto ma chi si avvicina ad una dieta vegana, in cui vengono eliminati tutti i prodotti di origine animale, deve sapere che rischia patologie da ipovitaminosi, anemia, neuropatia e neuro-degenerazione per carenza di vitamina B12, che deve essere assolutamente integrata nella sua forma attiva. Consiglio quindi di affidarsi sempre ad un professionista in modo da costruire una dieta vegetariana/vegana bilanciata, che soddisfi il fabbisogno proteico e che preveda l’integrazione degli elementi non previsti dalla dieta stessa”.

C’è una misura per tutte le cose, e quindi c’è una misura anche quando ci alimentiamo: che cosa consigli a tutte quelle persone che utilizzano “diete fai-da-te” ?

Roberta: “L’alimentazione è una cosa molto seria ed ha un impatto fondamentale sulla nostra salute psicofisica; basti pensare, ad esempio, ai tanti studi che dimostrano come un intestino sano sia correlato ad un miglioramento del tono dell’umore.

Il mio consiglio è quindi di evitare le diete fai-da-te e di rivolgersi ad un professionista che faccia una buona educazione alimentare, a maggior ragione se lo stato di salute non è ottimale. I risultati veri e duraturi si ottengono con un programma serio e ben costruito, non certo con improbabili e improvvisate diete detox dell’ultimo minuto. Ogni individuo è un universo a sé stante!”.

CONDIVIDI
Articolo precedentePerché Viktor Orban preoccupa l’Europa?
Prossimo articoloIl Volto nascosto della nostra (in)Civiltà
mm
Nato a Empoli (Fi), il 4 gennaio 1989. Diplomato al liceo classico-linguistico, laureando in scienze politiche, relazioni internazionali. Dopo una lunga esperienza come attivista politico, guida un partito politico giovanile a livello locale. Si dedica all’attività di articolista per svariati clienti e su svariati argomenti. Appassionato e studioso di politica interna ed internazionale (e di tutto ciò che la concerne), sistemi politici, partiti politici, sistemi elettorali, relazioni internazionali, diritto internazionale e costituzionale, e molto altro.