Roma, 9 set. (askanews) - C'e anche un deputato della Lega che, seduto all'ultima fila, solleva la seduta mobile del suo posto, quasi per lanciarla. Il presidente della Camera, Roberto Fico, lo richiama all'ordine cercando ri ripristinare l'ordine dei lavori. Intervengono anche i commessi per cercare di placare gli animi degli onorevole del carroccio. Si è svolta in un clima da stadio la replica del premier Giuseppe Conte, a conclusione del dibattito sulle linee programmatiche del governo e prima delle dichiarazioni di voto sulla fiducia. Conte interviene per 40 minuti, fa fatica a portare a compimento il suo discorso per le continue interruzioni ad opera dei leghisti che gridano 'Bibbiano' e 'Dignità'. Applausi dall'altra tifoseria, quella del M5s, del Pd e di Leu. Conte, rivolto ai banchi della Lega, afferma: "conosco la vostra capacità comunicativa, ma questa non può cambiare la realtà dei fatti". I deputati del Carroccio tornano ad invocare 'Elezioni', Fico, quasi ironicamente e cercando di ripristinate il silenzio risponde: "la richiesta è chiara, ora andiamo avanti". Poi, quando il presidente del Consiglio ricorda che "una forza politica non può decidere di suo arbitrio" di prorvare la crisi e andare a votare, dai banchi della Lega gridano 'Venduto' mentre i deputati delle forze di maggioranza appluadono in piedi. Fico è costretto ad intervenire più volte. "Questo comportamento da stadio è intollerabile per un'aula parlamentare - dice -. Prego il Presidente del Consiglio di prosegire, dopo avrete modo di intervenire". Il clima si riscalda ancora di più quando Conte cita un'affermazione dell'ex sottosegretario all'economia, il leghista Garavaglia. "Con lui ho lavorato molto, eppure ha detto: 'Siete imbullonati alle poltrone'. L'ho trovato volgare affermarlo Voi cosa volevate? Le elezioni per prendere più poltrone?". L'Aula si scatena, l'ooposizione grida 'Elezioni' mentre M5S, Pd e LeU applaudono. C'e anche chi lancia baci all'indirizzo del premier. A fatica Conte termine la sua replica, con una standing ovation dei deputati di tutte le forze di maggioranza.

La Camera dei deputati ha approvato la fiducia al governo Conte bis con 343 sì e 263 no. Gli astenuti sono stati 3.

“Sono soddisfatto del risultato”. Così il premier Giuseppe Conte, lasciando Montecitorio, commenta con i cronisti il voto di fiducia dell’Aula.

“Bene la fiducia alla Camera. Massimo sostegno alle parole del presidente Conte. M5S ha idee chiare: lavoro, imprese, ambiente, scuola, famiglia sono priorità. Ma anche taglio parlamentari e revoca concessioni autostradali. È il momento di correre, è il momento del coraggio. Ci siamo!”. Lo twitta il ministro degli Esteri Luigi Di Maio dopo la fiducia alla Camera del governo Conte bis.

“Bene il Presidente Conte e la fiducia alla Camera. Un altro passo in avanti per cambiare l’Italia e renderla più verde, giusta e competitiva”. Lo scrive su Twitter il segretario del Pd Nicola Zingaretti dopo il voto di fiducia al governo alla Camera.

“L’epocale fenomeno migratorio – ha detto Conte – va gestito con rigore e responsabilità, perseguendo una politica modulata su più livelli, basata su un approccio non più emergenziale, bensì strutturale, che affronti la questione nel suo complesso, anche attraverso la definizione di un’organica normativa che persegua la lotta al traffico illegale di persone, ma che si dimostri capace di affrontare più efficacemente i temi dell’integrazione, per coloro che hanno diritto a rimanere e dei rimpatri, per coloro che non lo hanno”.

Durante l’intervento dai banchi della Lega e di FdI si sono alzati cori: ‘Bibbiano, Bibbiano’. Applausi ironici e ‘Buu’ durante diversi passaggi del discorso oltre che il coro: ‘Elezioni, elezioni‘ e quello: ‘Poltrone’.

Un passaggio dell’intervento di Conte è stato dedicato alla questione concessioni autostradali. “Renderemo più efficiente e razionale – ha detto il premier –  il sistema delle concessioni operando una progressiva e inesorabile revisione di tutto il sistema. Quanto al tema di concessioni autostradali avviato a seguito del crollo del ponte Morandi, porteremo a completamento il procedimento senza nessuno sconto per gli interessi privati, avendo quale obiettivo esclusivo la tutela dell’interesse pubblico e la memoria delle 43 vittime, una tragedia che rimarrà una pagina indelebile della nostra storia patria”.

“Prima di avviare le mie comunicazioni in quest’Aula – ha esordito – concedetemi innanzitutto di rivolgere un saluto e un ringraziamento al presidente della Repubblica il quale anche in queste ultime fasi determinanti per la vita della Repubblica esercitando con scrupolo le sue prerogative istituzionali ha guidato con equilibrio e saggezza ed è stato riferimento imprescindibile per tutti”. “Questo progetto politico – ha detto il premier – segna l’inizio di una nuova, che confidiamo risolutiva, stagione riformatrice”. “E’ necessario – ha detto Conte – recuperare “sobrietà e rigore affinché i nostri cittadini possano vedere con rinnovata fiducia nelle istituzioni“.

“Come dimostra la sensibile riduzione dei tassi rispetto ai livelli dello scorso ottobre, i mercati finanziari stanno investendo con fiducia sulla nuova fase che l’Italia sta attraversando. La diminuzione della spesa per interessi pagati sul nostro debito pubblico – ha detto – è una vera e propria “riforma strutturale”, perché ci permette di allentare quello che è stato il maggior freno alla crescita del nostro Paese negli ultimi decenni”.

“Io e tutti i miei ministri – ha promesso – prendiamo il solenne impegno, oggi davanti a voi, a curare le parole, ad adoperare un lessico più consono e più rispettoso delle persone, della diversità delle idee. “Come ha detto Saragat – ha citato Conte – fate che il volto di questa Repubblica sia un volto umano“.

“Ho sempre inteso – ha puntualizzato Conte – il mio ruolo come servizio al Paese e nell’esercitare il mio servizio ho cercato di guardare sempre al bene comune senza lasciare che prevaricassero interessi di parte“, ha aggiunto il presidente del Consiglio.  “Il programma che mi accingo a illustrare – ha spiegato Conte – non è un mero elenco di proposte eterogenee, nè una sommatoria dei programmi delle diverse forze politiche della maggioranza. al contrario è sintesi programmatica, un progetto del Paese a favore dei cittadini.  È un programma che ha l’ambizione di costruire la società in cui vogliamo vivere noi stessi che abbiamo un po’ di anni sulle spalle ma che vogliamo consegnare ai nostri figli e nipoti nella consapevolezza che il patto politico e sociale che proponiamo si prospetta necessariamente per essere sostenibile in una dimensione intergenerazionale”.

“All’interno di questi valori, in questa cornice di riferimento costituzionalmente caratterizzata, si ascrive la nostra azione riformatrice, racchiusa in un programma, del quale sarò il garante e il primo responsabile e che cercherò di tratteggiare – nelle sue linee essenziali – in questo mio intervento”.

“Ci prefiggiamo di introdurre una legge sulla parità di genere nelle retribuzioni: è una battaglia che vogliamo portare a termine al più presto in omaggio a tutte le donne”, ha promesso il premier.