Sono partiti la scorsa settimana i controlli da parte degli ispettori del Ministero della Salute e del Nas di Napoli nell’ospedale San Giovanni Bosco del capoluogo partenopeo dove, anche nelle passate settimane, in alcuni reparti, tra cui la terapia intensiva, è stata accertata la presenza di formiche. Dopo gli interventi di bonifica, nei giorni scorsi il direttore generale Mario Forlenza ha istituito una commissione di indagine sul caso.

Nella struttura ospedaliera, una famiglia notò una formica sul volto di un loro parente ricoverato nel reparto di rianimazione. Subito furono avverti i militari della compagnia Stella e del Nas di Napoli che trovarono l’insetto vicino a una narice dell’uomo. Per un altro caso, che ha coinvolto la 70enne dello Sri Lanka, Thilakawathie Dissianayake, presa letteralmente d’assalto dalle formiche lo scorso 10 novembre, sempre nella stessa struttura ospedaliera (deceduta il 29 dicembre all’Ospedale del Mare, per complicanze legate al suo grave stato di salute, ndr), sono in corso indagini da parte della Procura di Napoli. Lo scorso 5 dicembre gli inquirenti, dopo approfonditi accertamenti, disposero la chiusura del punto ristoro e del bar del nosocomio napoletano. Due settimane dopo, il 19 dicembre, l’accettazione chirurgica del pronto soccorso del San Giovanni Bosco venne chiusa per oltre un’ora, dalle 12 alle 13, a causa delle formiche.

Il primo caso di formiche in ospedale, a Napoli, risale al giugno del 2017, al San Paolo di Fuorigrotta, dove una donna napoletana allettata venne ‘attaccata’ mentre era in uno stato di incoscienza. La foto della paziente, come è accaduto anche per la 70enne dello Sri Lanka, fece il giro del web suscitando forte indignazione. Questa mattina sonno arrivate le dichiarazioni del direttore generale dell’Asl Napoli 1, Mario Forlenza: “C’è l’ipotesi della necessità della riduzione della attività ospedaliera con chiusura parziale o totale di interi reparti con trasferimento dei pazienti in altre strutture ospedaliere per consentire una totale e definitiva bonifica”. La possibile chiusura di alcuni reparti dell’Ospedale San Giovanni arriva dopo l’ennesimo episodio, nella giornata di domenica 13 gennaio, della presenza di formiche, nel reparto di Chirurgia donne.

Forlenza, ha dichiarato di aver “acquisito una prima relazione sulle iniziative della commissione d’accesso e indagine sul fenomeno della presenza di formiche” e di ritenere “la situazione grottesca e non più tollerabile”. Per questo ha “convocato – ha sottolineato – per mercoledì 16 gennaio alle ore 9 nella Direzione Sanitaria del San Giovanni Bosco l’intera Commissione d’indagine unitamente ai Direttori Sanitari di Presidio e Aziendale nonché al Direttore Dipartimento Ospedaliero Aziendale per fare il punto della situazione non escludendosi l’ipotesi della necessità della riduzione della attività ospedaliera con chiusura parziale o totale di interi reparti con trasferimento dei pazienti in altre strutture ospedaliere per consentire una totale e definitiva bonifica”.

CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni: Ecco il gioco delle 7 carte (flessibili)
Prossimo articoloPollo maltrattato. Rabbia dei “centopercento”animalisti: “Nessun perdono per questi infami”
mm
Marco Staffiero, il mio nome spirituale è Ardas Sadhana Singh. Sono laureato in Scienze Politiche - Relazioni Internazionali e dal 2009 sono iscritto all’ordine dei giornalisti del Lazio. Approfondisco come giornalista e studioso diverse tematiche, che riguardano le discipline olistiche, le medicine alternative, la sana alimentazione e il benessere psico-fisico. Sono insegnante certificato di Kundalini Yoga, il mio diploma è riconosciuto a livello internazionale dal KRI (Kundalini Research Institute) e dall’IKYTA (International Kundalini Yoga Teacher Associations) e a livello nazionale dalla UISP – Area Discipline Orientali. Collaboro on line con “Il Giornale dello Yoga“ e "Yoga Magazine". Con il quotidiano “L’Osservatore d’Italia” e con “Il Format info” mi occupo di malattie ambientali, elettrosmog e salute. Inoltre, sono responsabile della rubrica Benessere e Salute del quotidiano on line “Il Mamilio”. Attraverso la conoscenza di tematiche legate alla Geobiologia, collaboro con la Bioriposo, dove effettuo misurazioni (con degli strumenti tecnici brevettati) dei nodi di Hartmann, elettromagnetismo ecc. , dando vita a conferenze sull'argomento in vari centri olistici e non solo.