Un super Salisburgo mette alle strette un Napoli inesistente.

La squadra di Ancelotti gioca solo 15 minuti, dopo il gol di Milik gli azzurri sembrano quasi appagati e perdono 3-1. Prova di grande intensità della squadra austriaca, che con i gol di Dabbur, Gulbrandsen e Leitgeb fanno tremare il Napoli e ringraziare il miracolo di Meret dell’andata.

Il Valencia riesce a qualificarsi con due prove non proprio esaltanti contro i russi del Krasnodar. Al Krasnodar Stadium gli spagnoli, subiscono il gol dell’1-0 all’87°. È Guedes al 93° a regalare il passaggio, miracolosamente, al Valencia.

Il Chelsea passeggia sulla Dinamo Kiev e al Olimpiyskiy Stadium vince 0-5. Per gli uomini di Sarri in gol Marcos Alonso, Hudson-Odi e tripletta di Olivier Giroud.

L’Inter perde in casa contro l’armata tedesca e và fuori dall’Europa League. Nerazzurri completamente rimaneggiati, tra squalificati e infortunati, vengono letteralmente schiacciati dall Eintracht Francoforte nella propria area di rigore.

Il gol decisivo viene siglato da Jovic al 5° minuto che sfrutta un errore di De Vrij e con un pallonetto delizioso batte Handanovic per lo 0-1 finale.

L’Arsenal rimonta il 3-1 di Rennes, battendo i francesi 3-0 senza quasi mai soffrire. Partita perfetta per gli uomini di Unai Emeri e quarti di Europa League raggiunti. Per i Gunners in gol Aubameyang (doppietta) e Neils.

Il Villareal batte lo Zenit anche in casa. Il sottomarino giallo riesce a rifilare due gol ai russi chiudendo la pratica giá archiviata all’andata. In gol Bacca e Moreno, per i russi inutile i gol al 91° di Ivanovic.

Il Benfica riesce ad eliminare la Dinamo Zagabria soltanto ai supplementari. I portoghesi sbloccano la gara al 71° con Jonas. Nell’extra time ci pensano Ferro e Grimaldo a regalare i quarti al Benfica.

Clamorosa eliminazione del Sevilla dalla Uefa Europa League. I 5 volte campioni spagnoli, si fanno eliminare dallo Slavia Praga ai supplementari. La squadra ceca vá in vantaggio con Ngadjui ma vengono raggiunti dal rigore di Ben Yedder.

Ad inizio ripresa altro penalty, questa volta per la squadra di casa, trasformato da Soucek. Il Sevilla non ci stá e si aggrappa ai supplementari grazie ad un eurogol di El Haddadi.

Nell’extra time accade di tutto.
Il Sevilla vá in vantaggio con Vazquez al 98°, che sembra chiudere definitivamente i giochi.
Quattro minuti più tardi Buren rimette in gioco lo Slavia e quando tutto sembra finito, al 119° Traore caccia fuori dal cilindro la magia del definitivo 4-3 che manda gli spagnoli all’inferno e i cechi in paradiso.