Nessuna possibilità di integrazione, condizioni igieniche indecenti, problemi strutturali,
difformità tra i fondi pubblici incassati e i servizi garantiti. Sono alcuni dei motivi che hanno
reso necessaria la chiusura dell’Hub regionale Centro Mattei di Bologna. Ieri sono state
trasferite 157 persone: tutte hanno avuto una sistemazione consona e dignitosa, in particolare i vulnerabili. http://www.interno.it

Ora partiranno i lavori per rendere la struttura idonea a ospitare persone, con l’obiettivo di
trasformarla in un centro di accoglienza straordinaria. Un progetto reso possibile grazie al drastico calo degli sbarchi. A breve ci saranno i nuovi bandi: le cooperative eventualmente interessate all’accoglienza, potranno partecipare a costi inferiori.

Dichiarazione del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Dopo i grandi centri veneti di Cona e
Bagnoli e quello di Castelnuovo di Porto abbiamo chiuso anche l’hub di Bologna e a breve
svuoteremo Mineo. Passiamo dalle parole ai fatti. Basta con le maxi strutture piene di
immigrati, costose, spesso degradate e dove non si fa integrazione ma solo business. Mi
chiedo come fosse possibile che i tanti buonisti impegnati (a pagamento) nell’accoglienza non si accorgessero che la struttura fosse più simile a una stalla che a un centro dove ospitare anche donne e bambini”.