Bufera per un’intervista nella quale il sottosegretario M5s alle pari opportunità Vincenzo Spadafora attacca il vicepremier Matteo Salvini. La replica del leader leghista è durissima: ‘Lasci’.

L”Italia – denuncia Spadafora – ‘vive una pericolosa deriva sessista‘ e gli insulti alle donne ‘arrivano proprio dagli esponenti più importanti della politica’. L’esponente M5S prende ad esempio di insulti contro le donne ‘gli attacchi verbali’ di Salvini a Carola Rackete, definita ‘criminale, sbruffoncella, pirata’. ‘Parole che – dice Spadafora – hanno aperto la scia dell’odio maschilista contro Carola, con insulti dilagati per giorni e giorni sui social’. Durissima la replica della ministra leghista Stefani. ‘E’ vile usare il dramma delle donne per attaccare Salvini. Andrebbe ripensato l’incarico di Spadafora.

“Cosa sta a fare Spadafora al governo con un pericoloso maschilista? Se pensa che io sia così brutto e cattivo, fossi in lui mi dimetterei e farei altro, ci sono delle Ong che lo aspettano”, dice Salvini in conferenza stampa al Cara di Mimeo. “Per me – dice ancora Salvini – il governo dura altri 4 anni, spero, certo se ogni giorno c’è un sottosegretario del M5S che si alza la ‘spara’, diventa impegnativo… Lavorassero, se invece hanno voglia di fare polemica io son qua a fare il mio lavoro e vado a fare un giro nel centro liberato”.

“Il governo non e’ rischio, se tutti lavorano il governo va avanti”, ha detto ancora Slavini rispondendo alla Camera ai cronisti che gli chiedevano se il caso Spadafora possa avere conseguenze sull’esecutivo.