Alzheimer causa potenziale individuata grazie ai delfini

Gli scienziati hanno identificato placche di amiloide, le proteine ​​ripiegate legate all’Alzheimer, nel cervello dei delfini bloccati sulle spiagge della Florida e del Massachusetts.

“Abbiamo trovato placche di β-amiloide e neuroni danneggiati nei tessuti cerebrali da delfini morti sulle spiagge della Florida e del Massachusetts”. Così ha annunciato la notizia il dottor David Davis, neurologo presso l’Università di Miami, in un comunicato stampa. La formazione di placche β-amiloide è un’anomalia riscontrata nei pazienti umani con l’Alzheimer.

L’analisi dei cervelli dei mammiferi marini ha anche rivelato la presenza di BMAA, una tossina prodotta da fioriture cianobatteriche. Nei test di laboratorio, gli scienziati hanno precedentemente confermato che l’esposizione alla BMAA innesca la formazione di placche β-amiloide e di grovigli neurofibrillari nel cervello degli animali. Queste sono le stesse anomalie riscontrate nel cervello dei pazienti con Alzheimer. “Non possiamo dire con certezza che l’esposizione cronica alle fioriture di cianobatteri possa innescare l’Alzheimer negli esseri umani, ma è un rischio che personalmente non sono disposto a correre”, ha affermato Larry Brand, oceanografo dell’Università di Miami.

Alzheimer cause possibili

Combinazioni simili di BMAA, placche di β-amiloide e grovigli neurofibrillari sono state identificate nel cervello del popolo Chamorro di Guam. Questo popolo è afflitto da una malattia neurodegenerativa simile all’Alzheimer chiamata malattia Lytico-bodig, una sorta di paralisi progressiva, spesso combinata con l’ottenebramento mentale.

Alzheimer causa potenziale individuata grazie ai delfini

I delfini sono un’eccellente specie sentinella per esposizioni tossiche in ambiente marino”, ha affermato la dottoressa Deborah Mash. “Con l’aumento della frequenza e della durata delle fioriture dei cianobatteri nelle acque costiere, i delfini potrebbero fornire un allarme tempestivo delle esposizioni tossiche che potrebbero avere un impatto sulla salute umana”.

Tuttavia, gli scienziati non sono ancora in grado di dire con certezza se le placche abbiano fatto sì che i delfini si arenassero sulla spiaggia.
“Fino a quando ulteriori ricerche chiariranno questa domanda, le persone dovrebbero adottare semplici misure per evitare l’esposizione a cianobatteri“, ha detto Paul Alan Cox, etnobotanico presso il Brain Chemistry Labs, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro a Jackson Hole, nel Wyoming.

Davis e i suoi colleghi hanno descritto la loro scoperta sulla rivista PLOS One.