fbpx
adv-416
<< SPORT

Donnarumma ha parato i soldi falsi (ma ha subito 2 gol)

L'ex portiere del Milan ha resistito alle continue provocazioni dei tifosi della sua ex squadra, anche se alla fine si è dovuto arrendere sul campo.
| 8 Novembre 2023 | SPORT
Donnarumma

Milan Paris Saint Germain, per gli appassionati di calcio, significa una grande serata di calcio europeo. Un rito che si ripete quasi tutti i martedì e i mercoledì autunnali e invernali, quando la massima competizione europea fa ritorno sugli schermi. Per i tifosi del Milan, invece, questa partita non poteva che avere un duplice significato.

Il primo, più immediato, riguarda gli aspetti sportivi: una classica partita da dentro o fuori. Non vincere (o comunque non conseguire un risultato positivo) avrebbe quasi certamente condannato il Milan ad abbandonare il sogno di poter alzare la coppa dalle grandi orecchie. Dall’altro lato, ovviamente, c’è il significato emotivo. Il primo ritorno di Donnarumma da avversario, portiere svezzato proprio dai Rossoneri ormai qualche anno fa, non poteva passare inosservato.

Si è scritto molto sul rapporto tra la tifoseria del Milan e l’ex portiere. Il tifoso considera, da un lato giustamente, Donnarumma alla stregua del peggior Giuda. Non gli perdona il tradimento di essere passato al PSG, squadra con più ambizioni europee e con più dané. Non riesce a perdonargli lo smacco di non aver rinnovato e, almeno come premio di consolazione, di non aver portato soldi nelle casse rossonere. Insomma, la gente non ha comprato il biglietto solo per godersi la partita, ma anche – se non principalmente – per riservare le cordialità di bentornato al portiere dei parigini.

Donnarumma

Era prevedibile che alla Signora Donnarumma sarebbero fischiate le orecchie durante la partita di San Siro. Ma i cori non erano l’unica forma di accoglienza preparata dai tifosi: sono state distribuite prima della partita delle banconote false, a forma di dollari, con il cognome del portiere storpiato in “Dollarumma”. Una forma di protesta, se vogliamo, fastidiosa ma creativa.

Alla partita di ieri, il Milan arrivava ancora a secco di gol. Ne ha segnati poi 2 al proprio ex portiere, una sensazione ancora più liberatoria di quanto poteva essere il semplice gol in un’altra partita. Rimarrà forse negli annali della storia del calcio la foto del portiere dei parigini seduto dentro la sua porta, mentre è contornato da dollari falsi freschi di stampa.

Per la verità, la prestazione di Donnarumma è stata da campione. Una di quelle prestazioni che ci si aspettava potesse mettere in campo già da quando il suo talento precoce era stato selezionato e allevato dai rossoneri. Incolpevole sui gol, Gigio si è reso protagonista con alcune parate da portiere di un top club europeo, dimostrando di poter meritare fino in fondo quel ruolo (così come anche quello di portiere titolare della nazionale italiana).

La partita di San Siro poteva essere vista anche un test psico-attitudinale: giocare con quella pressione è veramente per pochi. Il portiere dei parigini non ha reagito alle provocazioni e in più occasioni ha salvato il risultato di 2-1. Sulla scelta di passare ai parigini si può discutere, ma il suo valore tecnico è indiscutibile. Anche il portafoglio, alla fine, ringrazia.

TAG: Champions League, Donnarumma, Milan, Paris Saint Germain, psg
adv-767
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com