fbpx
adv-11
<< ESTERI

Delegazione UE in Israele annulla il ricevimento della Festa dell’Europa

| 9 Maggio 2023 | ESTERI

La delegazione dell’Unione europea in Israele ha annullato il ricevimento diplomatico per la Giornata dell’Europa a causa della prevista partecipazione del ministro israeliano per la sicurezza nazionale di estrema destra Itamar Ben-Gvir.

“Purtroppo, quest’anno abbiamo deciso di annullare il ricevimento diplomatico perché non vogliamo offrire una piattaforma a qualcuno le cui opinioni contraddicono i valori che l’UE rappresenta”, ha dichiarato lunedì la delegazione in un post su Twitter.

Bruxelles celebra il 9 maggio come Festa dell’Europa, in onore di una dichiarazione francese del 1950 che portò alla fondazione dell’organismo che divenne l’UE. Il resto dell’evento pubblico si svolgerà come da programma.

L’atto di protesta della delegazione dell’Ue in Israele contro Ben-Gvir – membro del governo del primo ministro Benjamin Netanyahu, il più religioso e ultranazionalista della storia del Paese – potrebbe scatenare una disputa diplomatica tra Israele e l’Ue.

Le relazioni sono già state tese a causa delle politiche israeliane nella Cisgiordania occupata.

Ben-Gvir, il leader della fazione di estrema destra Jewish Power, è stato incaricato di rappresentare il governo israeliano all’evento della Giornata dell’Europa martedì.

Il ministro degli Esteri Eli Cohen ha dichiarato domenica in un’intervista alla radio Kan che Ben-Gvir era stato incaricato dal segretario del governo di partecipare “non come rappresentante del partito Jewish Power… ma per rappresentare il governo di Israele”.

Ben-Gvir è un colono ebreo dalla linea dura in Cisgiordania con precedenti condanne per sostegno al “terrorismo” e istigazione contro i palestinesi. È ampiamente considerato un provocatore e ha chiesto lo sfollamento dei palestinesi.

Il mese scorso il gabinetto israeliano ha approvato un piano di Ben-Gvir per formare una “guardia nazionale”, le cui unità dovrebbero lavorare a fianco della polizia e dell’esercito e occuparsi di “disordini civili”, come “disturbi” o proteste filo-palestinesi.

In qualità di rappresentante del governo all’evento della Giornata dell’Europa, Ben-Gvir si sarebbe rivolto ai partecipanti. “E’ un peccato che l’UE, che finge di rappresentare i valori democratici e il multiculturalismo, si comporti con un bavaglio poco diplomatico”, ha detto Ben-Gvir. L’UE ha preso la sua decisione poche settimane dopo che il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è stato criticato per i commenti secondo cui Israele fa “fiorire il deserto” in occasione del suo 75° giorno di “indipendenza”.

L’Autorità palestinese ha affermato che il suo commento è un “tropo razzista anti-palestinese” e la giornata segna invece i 75 anni del “progetto coloniale” di Israele. Israele ha a lungo negato le espulsioni forzate dei palestinesi durante quel periodo, in cui il neonato esercito israeliano e le milizie sioniste hanno espulso almeno 750.000 palestinesi dalle loro case e dalla loro terra e hanno catturato il 78% della Palestina storica.

Netanyahu è tornato in carica a dicembre a capo di una coalizione che include partiti ultraortodossi e ultranazionalisti religiosi, inclusa la piccola fazione del potere ebraico di Ben-Gvir. Il governo ha fatto dell’espansione degli insediamenti in Cisgiordania una priorità assoluta. 

L’UE, insieme alla maggior parte della comunità internazionale, considera gli insediamenti ebraici in Cisgiordania e Gerusalemme est occupata illegali ai sensi del diritto internazionale e ostacoli alla pace con i palestinesi. Israele ha conquistato la Cisgiordania, Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza nella guerra in Medio Oriente del 1967. I leader palestinesi cercano tutte e tre le aree per un futuro stato indipendente.

TAG: delegazione, Festa dell'Europa, Israele, Itamar Ben-Gvir, Palestina, UE
adv-351
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com