fbpx
adv-69
<< ESTERI

Arrestato in Russia giornalista WSJ accusato di spionaggio

| 31 Marzo 2023 | ESTERI

La Corte di Lefortovo a Mosca ha tramutato in arresto lo stato di fermo del giornalista americano del Wall Street Journal, Evan Gershkovich. Lo stato di arresto durerà almeno due mesi, fino al 29 maggio. Il 32enne era stato fermato a Ekaterinburg, in Russia, con l’accusa di spionaggio che sulla base dell’articolo 276 del Codice penale prevede condanne fino a 20 anni di reclusione. Gershkovich, riporta la Tass, in tribunale si è dichiarato non colpevole.

Mentre il Wsj chiede l’immediato rilascio del giornalista, il segretario di Stato americano Antony Blinken ha espresso la condanna “nei termini più duri” per “i continui tentativi del Cremlino di intimidire, reprimere e punire i giornalisti e le voci della società civile”, sottolineando che il Dipartimento di Stato è in contatto con il quotidiano Usa.

La portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, ha definito “inquietante” la notizia dell’arresto di Gershkovich e “ridicole” le accuse. Ha poi detto che “è inaccettabile che il governo russo prenda di mira cittadini americani”. Tutti i cittadini americani che si trovano in Russia devono lasciare immediatamente il Paese, chiede la Casa Bianca.

Il reporter, i cui genitori vivono negli Stati Uniti ma sono originari dell’ex Unione Sovietica, parla russo. Prima di essere assunto al Wall Street Journal aveva lavorato per l’agenzia Afp e per la testata russa in lingua inglese Moscow Times. Il quotidiano americano si dice “profondamente preoccupato” e chiede l’immediato rilascio del giornalista: “Il Wall Street Journal respinge con veemenza le accuse dei servizi di sicurezza russi e chiede l’immediato rilascio di Evan Gershkovich, un giornalista affidabile e coscienzioso”, ha dichiarato il giornale in un comunicato. “Siamo solidali con Evan e la sua famiglia”.

I servizi segreti russi “hanno fermato le attività illegali del corrispondente del Wall Street Journal, il cittadino americano Evan Gershkovich”, riporta l’agenzia Ria Novosti citando il comunicato dell’Fsb. Il giornalista è stato arrestato a Ekaterinburg ed è accusato di “spionaggio”. Secondo quanto riferito dall’intelligence russa, il reporter “su istruzione degli Stati Uniti, stava raccogliendo informazioni su una delle imprese del complesso  militare-industriale russo, che rappresentano un segreto di Stato”.

Oltre che a Ekaterinburg, Gershkovich si era recato a Nizhny Tagil, un’altra città russa dove è situato uno stabilimento dell’industria della difesa Uralvagonzavod, che produce carri armati. Lo scrive il sito indipendente Meduza citando “giornalisti occidentali che lavorano a Mosca”.

Media locali della regione degli Urali citano un fixer, Yaroslav Shirshikov, che ha accompagnato il giornalista nella sua visita a Ekaterinburg. Secondo Shirshikov, Gershkovich si era recato in questa città per raccogliere informazioni sull’atteggiamento della popolazione nei confronti del conflitto in Ucraina e la compagnia militare Wagner.

Richiesto per un commento da un giornalista del Daily Beast, il fondatore della Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha risposto in tono sarcastico: “Se vuoi posso controllare la stanza delle torture di casa mia per vedere se è qui, ma non mi pare di averlo visto tra le decine di giornalisti americani che tengo lì”. Mercoledì, scrive Meduza, si era diffusa la voce che un uomo era stato fermato dalle forze di sicurezza nel ristorante Bukowski Grill di Ekaterinburg e portato via con la testa coperta da un maglione. Secondo Shirshikov si trattava del giornalista americano.

Quello di cui si occupava a Ekaterinburg il giornalista americano del Wall Street Journal che è stato fermato “non ha nulla a che fare con il giornalismo” ha detto sul suo canale Telegram la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. “Purtroppo – ha aggiunto – non è la prima volta che lo status di ‘corrispondente straniero’, il visto giornalistico e l’accreditamento vengono utilizzati da stranieri nel nostro Paese per coprire attività che non sono giornalismo. Questo non è il primo noto occidentale ad essere ‘pizzicato'”. “Non si parla di sospetti, è stato colto in flagrante”, ha aggiunto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, che ha auspicato che gli Usa non compiano atti di rappresaglia: “Speriamo che ciò non avvenga, e non deve avvenire”.

La questione di un possibile scambio di prigionieri con gli Usa “non è ancora stata discussa”. Lo ha detto il viceministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov citato dalla Tass. A una domanda in proposito, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha risposto: “Non ho alcuna informazione, non ho nulla da dire in proposito”. La domanda si riferiva a un possibile scambio con Serghei Cherkasov, un russo detenuto in Brasile e incriminato nei giorni scorsi negli Usa con l’accusa di essere un agente dei servizi d’intelligence russi.

Gershkovich è il primo giornalista statunitense arrestato in Russia per spionaggio dai tempi della Guerra Fredda. Nel 1986 finì in manette con un’accusa simile il reporter Nick Daniloff: “Nel mio caso, l’Fbi aveva arrestato un sovietico a New York per spionaggio e i russi arrestarono me”, ha dichiarato Daniloff alla Cnn. Aggiungendo che la negoziazione alla fine aveva garantito il suo rilascio, con una “soluzione per l’uomo che era stato arrestato a New York”.

All’epoca Ronald Reagan era presidente degli Stati Uniti, la Russia faceva parte dell’Unione Sovietica e i rapporti erano molto tesi. Daniloff fu arrestato al termine del suo incarico per Us News and World Report, restò in prigione per settimane in isolamento prima che l’amministrazione Reagan negoziasse il suo rilascio. Parlando in una conferenza stampa dopo essere tornato in libertà nell’86, Daniloff definì la situazione “molto complessa”, sottolineando che senza il “profondo e personale interesse” del presidente Reagan per il suo caso, sarebbe rimasto in prigione per molto più tempo.

TAG: arresti, giornalisti, guerra ucraina, russia, spionaggio, USA, Wall Street Journal
adv-355
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com