fbpx
adv-889
<< ESTERI

Guerra Ucraina. Mosca pronta ad accettare proroga sull’esportazione di grano

| 14 Marzo 2023 | ESTERI

Una delegazione russa durante i colloqui con alti funzionari delle Nazioni Unite ha detto lunedì che Mosca è pronta ad accettare un’estensione di un accordo sull’esportazione di grano che ha contribuito a far scendere i prezzi alimentari globali durante la guerra con l’Ucraina – ma solo per 60 giorni come il Cremlino resiste alle modifiche al funzionamento dell’accordo.

Le Nazioni Unite hanno affermato di “prendere atto” dell’annuncio russo e hanno ribadito il proprio sostegno all’accordo concluso a luglio come “parte della risposta globale alla più grave crisi del costo della vita in una generazione”.

Le Nazioni Unite e la Turchia hanno mediato l’accordo tra i due paesi in guerra che consente all’Ucraina, uno dei principali granai del mondo, di spedire cibo e fertilizzanti da tre dei suoi porti del Mar Nero.

L’accordo di 120 giorni, che ha contribuito a mitigare parte dell’aumento dei prezzi alimentari globali, è stato rinnovato lo scorso novembre. Tale estensione scade sabato e un’altra estensione di 120 giorni era sul tavolo. L’Ucraina ha accusato lunedì che la proposta russa di prorogarlo solo per 60 giorni va contro l’accordo, che lascia la porta aperta a qualsiasi delle parti per risolverlo o modificarlo.

“Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha confermato che le Nazioni Unite faranno tutto il possibile per preservare l’integrità della Black Sea Grain Initiative e garantirne la continuità”, si legge in una dichiarazione delle Nazioni Unite. Ha sottolineato che l’accordo ha aperto la strada all’esportazione di 24 milioni di tonnellate di grano e oltre 1.600 viaggi di navi attraverso il Mar Nero, con più della metà delle esportazioni destinate ai paesi in via di sviluppo.

Parlando ai giornalisti a Washington, il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha sottolineato la necessità di estendere l’accordo, descrivendolo come uno “strumento critico in un momento critico”.

Mosca è stata frustrata dal fatto che un accordo parallelo per consentire l’esportazione di cibo e fertilizzanti russi, che viene utilizzato in tutto il mondo, abbia portato solo alla fuoriuscita di un filo di fertilizzante russo e nessun grano russo.

“La conversazione esauriente e franca ha confermato ancora una volta che mentre l’esportazione commerciale di prodotti ucraini avviene a un ritmo costante, portando notevoli profitti a Kiev, sono ancora in vigore restrizioni per gli esportatori agricoli russi”, ha affermato la delegazione russa in un dichiarazione.

“Le esenzioni dalle sanzioni per alimenti e fertilizzanti annunciate da Washington, Bruxelles e Londra sono sostanzialmente inattive”, ha affermato.

Come parte dell’accordo, Mosca vuole che l’ammoniaca russa venga alimentata attraverso un oleodotto attraverso l’Ucraina fino ai porti del Mar Nero per una possibile esportazione. Funzionari russi affermano anche che le restrizioni bancarie e gli alti costi assicurativi hanno danneggiato le loro speranze di esportare fertilizzanti.

Il vice primo ministro ucraino Oleksandr Kubrakov ha affermato che “la posizione della Russia di estendere l’accordo solo per 60 giorni contraddice il documento” che prevede una proroga di almeno 120 giorni e ha aggiunto che Kiev attende le posizioni ufficiali dell’Onu e della Turchia.

Rebeca Grynspan, segretario generale della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, e Martin Griffiths, capo dell’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite, hanno ospitato una squadra guidata dal vice ministro degli Esteri russo Sergey Vershinin presso gli uffici delle Nazioni Unite a Ginevra.

L’Ucraina e la Russia sono i principali fornitori globali di grano, orzo, olio di semi di girasole e altri alimenti per paesi in Africa, Medio Oriente e parti dell’Asia dove milioni di persone non hanno abbastanza da mangiare. La Russia era anche il principale esportatore mondiale di fertilizzanti prima della guerra.

La perdita di tali forniture, dopo che la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala nel febbraio 2022, ha fatto aumentare i prezzi alimentari globali e ha alimentato le preoccupazioni per una crisi della fame nei paesi più poveri.

La Black Sea Grain Initiative prevede controlli marittimi del carico da parte di funzionari delle Nazioni Unite, russi, ucraini e turchi per garantire che vengano trasportati solo prodotti alimentari, non armi.

La quantità di grano che lascia l’Ucraina è diminuita anche se l’accordo funziona per mantenere il flusso di cibo. Le ispezioni delle navi nell’ambito dell’iniziativa per il grano sono diminuite drasticamente da quando sono iniziate sul serio a settembre e le navi sono state sostenute.

I critici occidentali accusano la Russia di trascinare i talloni nelle ispezioni. Mosca lo nega.

Sebbene l’accordo sui cereali abbia contribuito a stabilizzare i prezzi alimentari globali, ci sono ancora preoccupazioni per l’impatto sui prezzi di possibili restrizioni commerciali e meteorologiche, in particolare ondate di caldo, ha affermato Michael Puma, direttore del Center for Climate Systems Research della Columbia University, la cui ricerca si concentra sulla sicurezza alimentare globale .

“Quadro generale, siamo abbastanza fortunati che le condizioni meteorologiche abbiano consentito… alti livelli di produzione per molti cereali”, ha affermato.

In prima linea in Ucraina, la città orientale di Bakhmut è rimasta teatro di feroci combattimenti, con le forze ucraine che hanno negato alle forze russe il premio della sua cattura dopo sei mesi di logoramento.

Yevgeny Prigozhin, un milionario russo con legami con il presidente Vladimir Putin che possiede la compagnia militare privata Wagner, ha ripetutamente affermato che solo i combattenti Wagner, non l’esercito regolare, sono coinvolti nelle battaglie per Bakhmut. Le sue affermazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

“La situazione intorno a Bakhmut rimane difficile”, ha detto il colonnello generale Oleksandr Syrskyi, comandante ucraino delle forze di terra. “Le unità d’assalto di Wagner stanno avanzando da diverse direzioni, cercando di sfondare le difese delle nostre truppe e avanzare verso i quartieri centrali della città”.

L’ufficio presidenziale ucraino ha dichiarato lunedì che quattro civili sono stati uccisi e 11 feriti nel paese nelle precedenti 24 ore.

Due persone sono state uccise lunedì mattina nella regione meridionale di Mykolaiv, quando le forze russe hanno bombardato il villaggio di Kutsurub. Altri tre, tra cui un bambino di 7 anni, sono rimasti feriti.

Lunedì, un civile è stato ucciso ad Avdiivka, nella regione di Donetsk, dove è stato distrutto un edificio scolastico, e altri cinque sono rimasti feriti dal bombardamento russo del villaggio di Kostiantynivka. Un’altra persona è stata uccisa dal bombardamento di Znob-Novhorodske nella regione settentrionale di Sumy, che ha ferito anche quattro residenti locali.

Funzionari russi hanno accusato le forze ucraine di aver bombardato la città di Volnovakha nella parte controllata dalla Russia della regione di Donetsk, uccidendo due civili e ferendone altri due lunedì.

TAG: grano, Guerra Russia-Ucraina, Kiev, Mosca, UE
adv-145
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com