fbpx
adv-271
<< CRONACA

Quattro agenti della polizia locale di Sassuolo indagati per tortura

| 20 Febbraio 2023 | CRONACA

Quattro agenti della polizia locale di Sassuolo sono stati sospesi dal servizio perché indagati per il reato di tortura ai danni di un uomo di nazionalità marocchina. Si tratta di due agenti e due assistenti, questi ultimi accusati anche di falsità ideologica in atto pubblico per aver redatto una relazione di servizio falsa.

Il provvedimento – disposto dal Gip del tribunale di Modena e richiesto dalla Procura – parte da una denuncia del direttore generale dell’Ospedale di Sassuolo per un fatto dell’ottobre del 2021. I quattro secondo l’esposto avrebbero aggredito l’uomo mentre si trovava al pronto soccorso per una crisi ipoglicemica.

L’uomo era stato trasportato in ambulanza in ospedale dalla Croce Rossa di Sassuolo dopo che era stato trovato in strada in stato confusionale. Secondo quanto denunciato nell’esposto e ricostruito dalla Procura mentre era in corso la raccolta dei dati del paziente e i suoi parametri vitali, i quattro sono arrivati in ospedale senza che qualcuno li avesse chiamati ed hanno iniziato ad inveire contro il paziente, immobilizzandolo con forza alla barella sulla quale si trovava e picchiandolo sul petto e sulla testa.

Uno di loro – spiega la Procura – è salito con i piedi sul bacino del paziente, in posizione accovacciata, chiedendogli con insistenza se avesse assunto sostanze stupefacenti. I comportamenti dei quattro agenti sono stati descritti dettagliatamente dal personale sanitario. Dalle dichiarazioni di medici e infermieri è emersa infatti la convinzione che l’uomo fosse legato al mondo dello spaccio. La vittima lavora come operaio in Italia da anni, con regolare permesso di soggiorno, e non è mai stato denunciato o anche solo foto segnalato per reati di droga.

L’uomo, ad oggi, non ha sporto denuncia perché non ricorda quanto accaduto, visto che era in stato di incoscienza per via di una grave crisi ipoglicemica. Prima della emissione dell’ordinanza cautelare gli indagati sono stati interrogati dal Gip di Modena. La durata della sospensione dal servizio è differente per ciascuno dei quattro agenti. Le indagini sono state condotte dai carabinieri del nucleo operativo e Radiomobile di Sassuolo con la collaborazione della Comandante della polizia locale.

Sulla vicenda dei quattro agenti della polizia locale di Sassuolo, accusati di tortura e sospesi dal servizio, la Procura di Modena fa sapere, tramite una nota, che il Gip ha ritenuto corretta la qualificazione giuridica delle condotte contestate dagli stessi magistrati, proprio in riferimento al reato di cui all’articolo 613 bis c.p. (tortura), introdotto con la legge 14 luglio 2017 n. 110.

“E’ stato, infatti, ritenuto che la pluralità delle condotte violente attuate dagli indagati, per circa un’ora, avessero cagionato alla persona offesa, che peraltro versava in condizioni di minorata difesa a causa della grave crisi ipoglicemica, acute sofferenze fisiche (elemento costitutivo del reato di tortura differente da quello di lesioni volontarie aggravate), determinando un trattamento inumano e degradante per la dignità della sua persona”, spiega la Procura di Modena.

TAG: indagati, Polizia Locale, sassuolo, tortura
adv-737
Articoli Correlati