fbpx
adv-689
<< ESTERI

Guerra Ucraina: evacuata la città di kharkiv

| 31 Gennaio 2023 | ESTERI

I combattimenti sono rimasti in gran parte bloccati lunedì nell’Ucraina orientale, dove i bombardamenti russi hanno ucciso cinque civili nell’ultimo giorno, secondo funzionari ucraini, mentre le parti in guerra valutavano il loro bisogno di rinnovate spinte militari previste nelle prossime settimane.

Le vittime includevano una donna che è stata uccisa e altre tre ferite dal bombardamento russo di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina nel nord-est del paese, ha detto lunedì il governatore regionale Oleh Syniyehubov.

Le truppe russe hanno conquistato vaste aree della regione nord-orientale di Kharkiv nei mesi successivi all’invasione del suo vicino lo scorso febbraio. Ma le controffensive ucraine iniziate ad agosto hanno strappato indietro il territorio occupato dai russi, in particolare a Kharkiv.

Quei successi hanno dato peso alle argomentazioni dell’Ucraina secondo cui le sue truppe avrebbero potuto infliggere sconfitte più cocenti alla Russia se i suoi alleati occidentali avessero fornito più armi. Kiev la scorsa settimana ha vinto promesse di carri armati da Stati Uniti e Germania.

Lunedì il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha accennato alla prospettiva di ulteriori impegni imminenti, affermando che “qualsiasi attività volta a rafforzare i poteri di difesa dell’Ucraina è in consultazione con i nostri partner della NATO”. Tuttavia, una tale mossa potrebbe incontrare alcuni ostacoli politici familiari.

Il cancelliere Olaf Scholz, dopo aver esitato per settimane sull’invio di carri armati tedeschi Leopard 2 in Ucraina, sembra destinato a puntare i piedi sulla fornitura di aerei da combattimento. La Germania non avrebbe il ruolo chiave nelle consegne di aerei che ha avuto con i Leopard, che sono di fabbricazione tedesca e richiedono l’approvazione tedesca per l’esportazione.

Scholz, che è in viaggio in Sud America, si è detto rammaricato per l’emergere della discussione sugli aerei.

Domenica ha detto in Cile che è necessario un dibattito serio e non una “competizione per superarsi a vicenda … in cui forse sono in primo piano motivazioni politiche interne, piuttosto che il sostegno all’Ucraina”.

Gli analisti militari affermano che maggiori aiuti sono fondamentali se l’Ucraina vuole bloccare un’attesa offensiva russa di primavera e lanciare i propri sforzi per respingere le forze russe.

“Il modello di consegna degli aiuti occidentali ha fortemente modellato il modello di questo conflitto”, ha detto domenica scorsa l’Institute for the Study of War, un think tank con sede negli Stati Uniti.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha affermato che mantenere il ritmo del sostegno degli alleati è fondamentale.

“La velocità dei rifornimenti è stata e sarà uno dei fattori chiave di questa guerra. La Russia spera di prolungare la guerra, di esaurire le nostre forze. Quindi dobbiamo fare del tempo la nostra arma “, ha detto domenica nel suo video discorso notturno. “Dobbiamo accelerare gli eventi, accelerare la fornitura e l’apertura di nuove opzioni di armi necessarie per l’Ucraina”.

Con la guerra che si avvicina al traguardo di un anno e che prosciuga le risorse di entrambe le parti, la richiesta occidentale di armi per Kiev si sta diffondendo oltre la NATO.

Lunedì il segretario generale dell’alleanza, Jens Stoltenberg, ha chiesto alla Corea del Sud di inviare un sostegno militare diretto anche all’Ucraina. La Corea del Sud è un crescente esportatore di armi con un esercito ben equipaggiato e sostenuto dagli Stati Uniti.

Francia e Australia hanno annunciato lunedì l’intenzione di produrre e inviare congiuntamente diverse migliaia di proiettili di artiglieria da 155 millimetri in Ucraina. Le prime consegne sono previste nel primo trimestre di quest’anno.

Da parte russa, stanno emergendo indicazioni secondo cui potrebbe essere arruolato più personale per il combattimento.

Il ministero della Difesa britannico ha osservato lunedì che il Cremlino non ha mai revocato formalmente l’ordine dello scorso settembre per una parziale mobilitazione dei riservisti che ha aumentato il numero delle truppe per il combattimento in Ucraina. Ha detto che la Russia potrebbe tenere la porta aperta per ulteriori convocazioni. È stato riferito che la mobilitazione in autunno ha accumulato 300.000 truppe in più.

“La leadership russa molto probabilmente continua a cercare modi per soddisfare l’elevato numero di personale richiesto per finanziare qualsiasi futura grande offensiva in Ucraina, riducendo al minimo il dissenso interno”, si legge in un tweet.

I funzionari russi hanno negato i piani per ulteriori mobilitazioni di truppe, attingendo anche a una forza mercenaria.

Con più discorsi sugli aiuti militari da parte degli alleati dell’Ucraina, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha insistito sul fatto che le armi occidentali non fermeranno la Russia.

“L’Ucraina continua a chiedere nuove armi e l’Occidente sta incoraggiando queste richieste”, ha detto lunedì Peskov in una teleconferenza con i giornalisti. “È un punto morto. Ne risulta una significativa escalation e rende i paesi della NATO sempre più coinvolti nel conflitto”.

L’ufficio presidenziale ucraino ha affermato che la situazione nella regione orientale di Donetsk, che è stata teatro di intensi combattimenti per mesi, rimane “invariabilmente difficile”.

Pesanti combattimenti sono continuati intorno a Bakhmut e Vuhledar, con il governatore regionale Pavlo Kyrylenko che ha affermato che domenica 15 città e villaggi sono stati bombardati. Le autorità russe hanno rivendicato progressi a Vuhledar, contese che non potevano essere verificate in modo indipendente.

Le forze russe hanno cercato per mesi di catturare Bakhmut, con la guida del Gruppo Wagner, una compagnia militare privata guidata da un milionario con legami di lunga data con il presidente russo Vladimir Putin.

Le truppe ucraine la scorsa settimana hanno dichiarato di aver condotto una ritirata organizzata da Soledar, a circa 18 chilometri (11 miglia) da Bakhmut, sotto la pressione di Wagner, che si ritiene includa un gran numero di detenuti.

Le autorità ucraine hanno affermato che anche la città meridionale di Kherson è stata colpita dai bombardamenti russi. Il bombardamento ha danneggiato edifici residenziali, un ospedale, una scuola, una stazione degli autobus, una banca e un ufficio postale.

Due navi straniere sono state danneggiate nel porto di Kherson, ha aggiunto l’ufficio presidenziale, senza approfondire.

Zelenskyy, in una conferenza stampa lunedì a Odessa, ha affermato che le forze russe sembrano tentare di vendicarsi dell’Ucraina a causa dei successi sul campo di battaglia, “per fornire alla loro società un convincente risultato positivo nell’offensiva”. Si è impegnato a “fermarli tutti a poco a poco, sconfiggerli e preparare la nostra grande controffensiva”.

TAG: Cremlino, Guerra Russia-Ucraina, Kharkiv, Kiev, Mosca
adv-800
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com