fbpx
adv-492
<< EDITORIALE

Il nuovo modello di pace dell’UE per l’Ucraina è l’invio di armamenti

| 26 Gennaio 2023 | EDITORIALE

La retorica di alcuni leader dei Paesi occidentali che sostengono l’Ucraina – compresi gli Stati membri dell’UE e i loro partner transatlantici – suggerisce che i loro obiettivi nella guerra si siano ampliati. I leader occidentali continuano a dire che non combatteranno direttamente la Russia, però stanno continuando ad inviare armi più pesanti e stanziando maggiori risorse a favore dell’Ucraina.

Alcuni lasciano intendere che il loro obiettivo sia la sconfitta strategica della Russia, compresa una vittoria ucraina che recuperi per Kiev tutto il territorio perso a favore di Mosca dal 2014, il pagamento di risarcimenti russi e tribunali per crimini di guerra. Questo approccio rischia di alzare la posta in gioco fino al punto in cui non ci sarà più spazio per un dialogo da nessuna delle due parti causando una possibile escalation verso un conflitto diretto tra la NATO e la Russia.

Dopo l’invasione della Russia, l’UE e i suoi Stati membri hanno affrontato un difficile gioco di equilibri. Hanno cercato contemporaneamente di sostenere l’Ucraina e di evitare un rischio troppo grave di escalation. Sebbene i veri colloqui di pace sembrino ancora lontani, i leader europei dovrebbero puntare a creare, nel miglior modo possibile, incentivi per entrambe le parti per arrivare ai negoziati e gettare le basi per una maggiore stabilità in un ordine di sicurezza europeo che continuerà ad evolversi negli anni a venire.

adv-153

Al netto di tutte le ipotesi, credo che l’UE sostanzialmente dovrebbe continuare a inviare armi, materiale non letale e assistenza finanziaria per aiutare l’Ucraina a tenere la linea contro l’invasione russa, ma migliorare la supervisione di queste forniture. I leader dell’UE dovrebbero inoltre astenersi dal fornire addestramento sul territorio ucraino e continuare a evitare di coinvolgere nella guerra forze proprie, alleate o partner.

Sottolineare pubblicamente che seguiranno la guida di Kiev per quanto riguarda l’accordo di pace o altri accordi di riduzione della violenza. Non dovrebbero spingere l’Ucraina ad accettare qualcosa che non sia nel suo interesse, come un cessate il fuoco i cui termini porrebbero le basi per una nuova offensiva russa. Non dovrebbero nemmeno usare un linguaggio che suggerisca che la vittoria ucraina presupponga l’accettazione da parte russa della sovranità di Kiev su tutto il territorio ucraino, compresa la Crimea, cosa che alcuni leader dell’Occidente hanno tentato di fare. Se le condizioni del campo di battaglia creano una situazione in cui l’Ucraina è più avvantaggiata da un accordo che accetta il controllo russo di una parte del territorio ucraino – un risultato ancora più che plausibile, soprattutto nel caso della Crimea – Kiev dovrebbe essere incoraggiata ad accettare tale accordo.

Pensare a quali sanzioni contro la Russia potrebbero essere revocate in caso di accordo soddisfacente per l’Ucraina; queste potrebbero includere, ad esempio, quelle che danneggiano maggiormente i russi in generale.

Valutare delle misure di cooperazione più strette tra l’UE e l’Ucraina, che potrebbero includere migliori relazioni commerciali e politiche, dato che un processo di adesione all’UE accelerato è improbabile, nonostante l’entusiasmo in alcuni ambienti per la richiesta di adesione di Kiev.

Continuare ad accogliere e fornire assistenza ai rifugiati ucraini, riconoscendo le loro esigenze specifiche e differenziate per genere, nonché potenziare gli aiuti per sostenere Kiev a far fronte al crescente numero di sfollati interni.

In prospettiva, proseguire la linea dura degli USA porterebbe ad un probabile conflitto UE-RUSSIA dagli effetti devastanti. Dunque l’UE ebbene che incominci a farsi delle domande, come ad esempio riformare i parametri di Maastricht e chiedersi quanto possa essere conveniente essere succubi di un’alleanza transatlantica volta al dominio assoluto.

TAG: guerre, russia, UE, USA
adv-945
Articoli Correlati