fbpx
adv-161
<< ATTUALITÀ

Pediatri, un tentato suicidio al giorno

| 15 Ottobre 2022 | ATTUALITÀ, SALUTE

Il mondo virtuale, con i suoi falsi miti, sta perdendo i pezzi. Una società robotizzata, senza nessun punto di riferimento, senza un alto concetto dell’esistenza umana non porta da nessuna parte. La frenesia della vita, con i suoi ritmi imposti dal sistema del produrre e del  consumare sta sgretolando lentamente l’essere umano.

Le parole del presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp), Antonio D’Avino, in occasione del Congresso nazionale della Fimp in corso fino al 15 ottobre a Riva del Garda, devono far riflettere: “Ogni giorno nel nostro Paese una ragazza o un ragazzo, adolescente, ma anche pre-adolescente, tenta il suicidio. L’incremento dei casi, negli ultimi due anni è del 75%. E sono 100mila i giovanissimi che hanno preso la strada della morte sociale, i cosiddetti hikikomori, isolati nella loro stanza, in fuga dall’interazione col mondo, travolti dalla paura del giudizio, soli. Sono numeri impressionanti, da fall out post Covid-19”.

Dati significativi, che spingono l’essere umano a trovare delle alternative naturali e spirituali per la sua esistenza. “La pandemia è stata una bomba atomica dal punto di vista sociale per i giovanissimi – ha spiegato Silvia Zecca, co-referente nazionale Fimp Gruppo ‘Abuso e maltrattamento dei minori. I lockdown totali, le misure restrittive successive, quelle costanti di distanziamento per la prevenzione del contagio, hanno contribuito a creare un fortissimo disagio, un urlo silenzioso di cui ci siamo accorti nei nostri studi e poi con i dati raccolti nei Pronto Soccorso. Nel 2018-2019 l’ospedale pediatrico ‘Bambino Gesù’ di Roma ha rilevato 464 accessi per ideazione suicidaria, tentativo di suicidio e autolesionismo. Nel 2020-21 sono passati a 752, con un aumento di oltre il 60%”.

adv-225

“Il numero di consulenze neuropsichiatriche richieste per stati depressivi o ansiosi – ha aggiunto Anna Latino, co-referente nazionale Fimp dello stesso Gruppo – è aumentato di 11 volte. In particolare, sono lievitate di quasi 40 volte le consulenze effettuate in urgenza per ideazione suicidaria, tentativo di suicidio e comportamenti autolesivi, nei giovani tra i 9 e i 17 anni”. Per Latino il fenomeno è dunque sempre più connesso all’attività del pediatra di famiglia, “protagonista di una necessaria formazione e informazione nei confronti dei genitori e dei loro figli”.

Al Congresso Fimp si parlerà anche del fenomeno dei cosiddetti hikikomori. “Si tratta di una pulsione all’isolamento fisico, continuativa nel tempo, che si innesca come reazione alle eccessive pressioni di realizzazione sociale, tipiche della società capitalistiche economicamente sviluppate – ha sottolineato – Marco Crepaldi, psicologo, presidente e fondatore di Hikikomori Italia. I dati di cui disponiamo parlano di un 87% di maschi, ma è probabile che il numero di donne coinvolte sia sottostimato. L’età media in cui si manifestano i primi evidenti segnali è intorno ai 15 anni”.

Oltre ai dati allarmanti è doveroso trovare delle risposte immediate. I ragazzi e non solo, hanno bisogno di esempi e sani valori da seguire. Trovare una strada spirituale per una corretta formazione esistenziale. Avvicinarli alle antiche arti marziali, alla disciplina yogica, ad un corretto stile di vita, potrebbe essere l’immediata risposta ad un mondo che sta lentamente andando alla deriva.

TAG: Adolescenti, suicidi, yoga
adv-411
Articoli Correlati