fbpx
adv-397
<< ECONOMIA

La Fed aumenta i tassi di interesse e la Bce aziona uno scudo anti-spread

| 16 Giugno 2022 | ECONOMIA
La Borsa di New York

La Bce accelera su un nuovo scudo anti-spread: ha incaricato gli uffici tecnici di velocizzare “il completamento di un nuovo strumento anti-frammentazione” da sottoporre poi al Consiglio direttivo. Intanto, le Borse europee hanno dato segnali di euforia, anche sul finale: Milano è la migliore (+2,87% in chiusura). Il differenziale tra Btp italiani e Bund decennali tedeschi, dopo essere sceso molto in giornata, si assesta sui 216 punti. Intanto la Fed alza i tassi di interesse dello 0,75%: è la prima volta dal 1994.

Bene anche le altre Borse europee in chiusura: Parigi ha guadagnato l’1,35%, Londra l’1,16% , Francoforte l’1,39% e Madrid l’1,37%. La reazione positiva dei mercati è arrivata dopo il vertice delle 11 di oggi, in cui la Bce ha discusso le attuali condizioni e ha vagliato una linea comune sulle misure da adottare nel caso in cui indicatori come gli spread delle obbligazioni raggiungessero la soglia di guardia.

“Oggi abbiamo deciso di attivare la flessibilità nell’attività di reinvestimento e abbiamo chiesto ai nostri comitati di lavorare in maniera accelerata sul concepimento di nuovi strumenti per contrastare la frammentazione nel caso in cui il reinvestimento non bastasse. Per cui nel caso in cui il reinvestimento non bastasse state tranquilli, siamo pronti”, ha detto Klaas Knot, componente del consiglio direttivo della Bce e presidente della Nederlandsche Bank.

adv-357

La prima linea di difesa della Bce contro i rischi di frammentazione finanziaria evidenziati dagli spread sono i reinvestimenti del programma pandemico Pepp, ha poi precisato.

Intanto la Fed alza i tassi di interesse dello 0,75% per la prima volta dal 1994 nel tentativo di fermare la corsa dell’inflazione, schizzata ai massimi da 40 anni. Il costo del denaro sale così in una forchetta fra l’1,50 e l’1,75%. Tagliate le stime di crescita americana, cun un Pil a +1,7% per il 2022 e per il 2023. In precedenza si era stimato un Pil al +2,8% per quest’anno. Inoltre la Fed prevede tassi di interesse al 3,4% alla fine del 2022 e al 3,8% nel 2023.

TAG: Bce, Borse, Btp-Bund, FED, Spread
adv-866
Articoli Correlati