fbpx
adv-989
<< ECONOMIA

Crollano le azioni a Wall Street, spreed tocca 200 punti

| 6 Maggio 2022 | ECONOMIA

Le azioni stanno crollando a Wall Street, cancellando un rally del giorno prima, mentre i mercati valutano le incombenti ricadute della lotta intensificata della Federal Reserve contro l’inflazione.

Mercoledì, la Fed ha alzato il tasso di interesse di riferimento di mezzo punto percentuale come parte di uno sforzo per rallentare l’indebitamento dei consumatori e contenere l’inflazione, che è ai massimi degli ultimi quattro decenni. Il mercato si è rafforzato quando il presidente della Fed Jerome Powell ha respinto la possibilità che la Fed possa ricorrere a un aumento più aggressivo di tre quarti dei punti in futuro.

Ora, i trader stanno iniziando a preoccuparsi maggiormente dell’impatto delle mosse della Fed per smorzare la domanda e rallentare l’economia.

“La Fed si trova tra una roccia e un luogo difficile e, grazie alle informazioni immediate, gli investitori stanno sperimentando sia paura che avidità nello stesso identico momento”, ha affermato Sam Stovall, chief investment strategist di CFRA.

L’S&P 500 è sceso del 3,4% alle 13:49 orientali, con oltre il 95% delle società nell’indice di riferimento in rosso. La media del Dow Jones Industrial è scesa di 1.035 punti, ovvero il 3%, a 33.024 e il Nasdaq ha perso il 4,8%.

I rendimenti obbligazionari hanno ripreso la loro marcia al rialzo. Il rendimento del Treasury a 10 anni è aumentato bruscamente, al 3,10%, dal 2,92% del giorno prima.

L’aggressivo spostamento della Fed per aumentare i tassi di interesse fa preoccupare gli investitori sul fatto che possa portare a termine la delicata danza per rallentare l’economia abbastanza da fermare l’inflazione elevata ma non tanto da causare una flessione. Il ritmo e l’entità degli aumenti dei tassi di interesse vengono esaminati da vicino a Wall Street.

“Gli investitori si sono resi conto che, continuando ad adottare un approccio molto misurato, la Fed potrebbe effettivamente consentire all’inflazione di rimanere fuori controllo”, ha affermato Stovall.

L’ultima mossa della Fed per aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale era ampiamente prevista. I mercati si sono stabilizzati questa settimana prima dell’aggiornamento della politica, ma Wall Street era preoccupata che la Fed potesse decidere di aumentare i tassi di tre quarti di punto percentuale nella sua prossima riunione. Powell ha attenuato queste preoccupazioni, affermando che la banca centrale “non sta valutando attivamente” un tale aumento.

La banca centrale ha anche annunciato che inizierà a ridurre il suo enorme bilancio di 9 trilioni di dollari, che consiste principalmente di buoni del Tesoro e obbligazioni ipotecarie, a partire dal 1 giugno. Quelle grandi partecipazioni sono uno strumento politico che la Fed utilizza per mantenere i tassi di interesse a lungo termine, come quelli sui mutui, basso.

Quando Powell ha detto che la Fed non stava considerando un mastodontico aumento dei tassi a breve termine, ciò ha inviato un segnale agli investitori per far salire i prezzi delle azioni e far crollare i rendimenti obbligazionari. Un ritmo più lento degli aumenti dei tassi di interesse significherebbe meno rischi che l’economia cada in recessione, nonché una minore pressione al ribasso sui prezzi per tutti i tipi di investimenti.

Ma diminuire le probabilità di un aumento di 0,75 punti non significa che la Fed abbia smesso di aumentare i tassi in modo costante e brusco mentre lotta per domare l’inflazione, nemmeno vicino. Gli economisti di BNP Paribas si aspettano ancora che la Fed continui ad aumentare il tasso sui fondi federali fino a raggiungere un intervallo compreso tra il 3% e il 3,25%, da zero allo 0,25% all’inizio di quest’anno.

“Non pensiamo che questa fosse l’intenzione del presidente Powell”, hanno scritto gli economisti di BNP Paribas in un rapporto, citando l’esultanza del mercato mercoledì, “e riteniamo che potremmo vedere l’arrivo di ‘Fedspeak’ per cercare di restringere le condizioni finanziarie”.

La Banca d’Inghilterra ha alzato il tasso di interesse di riferimento al livello più alto degli ultimi 13 anni, il quarto aumento del tasso da dicembre poiché l’inflazione nel Regno Unito raggiunge i massimi degli ultimi 30 anni.

I mercati dell’energia rimangono volatili poiché il conflitto in Ucraina continua e la domanda rimane elevata in un contesto di scarse forniture di petrolio. I governi europei stanno cercando di sostituire le forniture energetiche dalla Russia e stanno valutando un embargo. L’OPEC e i paesi alleati produttori di petrolio hanno deciso giovedì di aumentare gradualmente i flussi di greggio che inviano al mondo.

L’aumento dei prezzi del petrolio e del gas ha contribuito alle incertezze che gravano sugli investitori mentre cercano di valutare in che modo l’inflazione avrà un impatto finale sulle imprese, sull’attività dei consumatori e sulla crescita economica generale.

Gli ultimi rapporti sugli utili aziendali sono inoltre seguiti da vicino dagli investitori che cercano di ottenere un quadro migliore dell’impatto dell’inflazione sull’economia. Il produttore di cereali Kellogg è aumentato del 4% dopo aver riportato risultati finanziari incoraggianti. Etsy è inciampato del 17% dopo aver fornito una previsione debole.

Twitter è aumentato del 3,2% dopo che il CEO di Tesla Elon Musk ha dichiarato di essersi assicurato più sostegno per la sua offerta di rilevare l’azienda.

Le società tecnologiche hanno subito alcune delle perdite maggiori e hanno appesantito il mercato più ampio, invertendo i solidi guadagni realizzati il ​​giorno prima. Il gigante della vendita al dettaglio su Internet Amazon è crollato del 7% e la società madre di Google è scesa del 4,6%.

I costruttori di case sono diminuiti ampiamente con l’aumento dei tassi medi di mutuo per la casa a lungo termine. Il dottor Horton è scivolato del 5,5%.

Il tasso medio su un mutuo a tasso fisso di 30 anni è salito al 5,27% questa settimana, il livello più alto dal 2009, secondo l’acquirente di mutui Freddie Mac. Un anno fa, era in media del 2,96%. I tassi ipotecari tendono a seguire i movimenti del rendimento del Tesoro a 10 anni. Il forte aumento dei tassi ipotecari ha messo a dura prova l’accessibilità per gli acquirenti di case dopo anni di prezzi in forte aumento.

TAG: azioni, mercati, Spreed, Wall Street
adv-286
Articoli Correlati