fbpx
adv-31
<< ESTERI

Il presidente dell’Ucraina Zelensky: “Se Onu ha solo parole vuote va smantellata”

| 6 Aprile 2022 | ESTERI

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky è intervenuto in video collegamento con il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, per parlare delle stragi dei civili a Bucha e in altre città. “Dov’è il Consiglio di sicurezza dell’Onu? Dov’è la pace? Dove sono le garanzie che le Nazioni Unite devono dare? Bisogna che ogni aggressore venga fermato per arrivare alla pace”, ha esordito Zelensky in video conferenza.

“Ora il mondo vede quello che l’esercito russo ha fatto a Bucha, ma deve ancora vedere quello che ha fatto in altre zone. È solo uno degli esempi. Vorrei ricordarvi lo scopo della nostra associazione: mantenere la pace. A causa delle azioni della Russia stanno avvenendo i peggiori crimini di guerra della nostra Storia”. Immediata la replica di Mosca.

L’ambasciatore russo all’Onu, Vasily Nebenzya, si è rivolto direttamente a Zelensky affermando che le sue accuse sono “infondate e non confermate da testimoni oculari”. Poi ha sottolineato che Mosca ha contribuito a creare corridoi umanitari a Mariupol e ha evacuato cittadini ucraini in Russia: “Lo hanno chiesto volontariamente, senza coercizione o rapimento, come insinuano i colleghi occidentali”, ha aggiunto. Nel suo discorso Zelensky ha accusato Mosca di “deportare i cittadini ucraini catturati” verso i propri territori.

adv-16

“Hanno sparato a donne fuori dalle loro case, hanno ucciso intere famiglie e bambini e hanno cercato di bruciarne i corpi”, ha detto Zelensky. “Mi rivolgo a voi per ricordare la memoria di civili che sono stati torturati e uccisi, mutilati, schiacciati con i carrarmati, molte donne sono state stuprate”, ha detto. Alcune delle vittime, ha continuato il leader ucraino, “sono state fucilate per le strade, altre sono stati gettati nei pozzi. Sono stati uccisi nei loro appartamenti, le loro case fatte saltare in aria dalle granate”.

Le azioni dei soldati russi in Ucraina non sono diverse da quelle di “organizzazioni terroristiche come l’Isis”, ha detto Zelensky accusando Mosca di “distruggere sistematicamente ogni diversità etnica e religiosa”, ha affermato il presidente ucraino. “L’idea della Russia è sempre stata quella di uccidere quanti più civili, di evitare che lasciassero il Paese”, ha detto Zelensky. “I russi si sentono colonizzatori, vogliono la nostra ricchezza, vogliono ridurci in schiavitù, vogliono farci diventare schiavi muti. Stanno rubando tutto, dal cibo ai gioielli”.

“Daremo massimo accesso ai giornalisti, alle associazioni internazionali, siamo nel 2022 e abbiamo mezzi per mostrare al mondo quello che succede nel nostro Paese. Così riusciremo a dimostrare chi sono i colpevoli e i peggiori criminali di guerra del mondo saranno puniti”, ha dichiarato Zelensky. “L’Onu deve agire per la pace in Ucraina. Altrimenti le opzioni sono o rimuovere la Russia dal Consiglio o dissolvere le Nazioni Unite, e credo che questa ultima opzione non piaccia a nessuno”.

“I militari russi e i loro comandanti devono essere processati per crimini di guerra”, ha detto il presidente ucraino. “Dopo la Seconda guerra mondiale i criminali sono stati processati a Norimberga. Serve un tribunale sul modello di Norimberga per processare la Russia per i suoi crimini di guerra in Ucraina”, ha proposto il presidente ucraino.

Zelensky ha continuato dicendo che “centinaia di migliaia di ucraini sono stati già deportati in Russia”. Mosca “vuole rendere l’Ucraina uno Stato schiavo”. Il presidente ucraino ha poi annunciato un video sugli orrori commessi dalla Russia in Ucraina. Dopo qualche problema tecnico, il video è stato trasmesso. Nel filmato immagini molto dure di civili, inclusi bambini, uccisi in città dell’Ucraina come Irpin, Dymerka, Motyzhin. “Quello che abbiamo visto a Bucha lo abbiamo visto in altri posti”, ha ribadito Zelensky. Alla fine del suo discorso c’è stato un lungo applauso.

“Abbiamo appena iniziato un’indagine su tutto ciò che hanno fatto gli occupanti. Attualmente, nella sola Bucha, sono state uccise e torturate più di trecento persone. È probabile che l’elenco delle vittime sarà molto più ampio quando verrà ispezionata l’intera città. E questa è solo una città”, ha detto il presidente ucraino in un video intervento pubblicato sui social nella notte, aggiungendo che “ci sono già informazioni che il numero delle vittime degli occupanti potrebbe essere ancora più alto a Borodyanka e in alcune altre città liberate.

“In molti villaggi dei distretti liberati di Kiev, Chernihiv e Sumy, gli occupanti hanno fatto cose che la gente del posto non ha visto nemmeno durante l’occupazione nazista 80 anni fa”. “Stiamo già facendo tutto il possibile – ha aggiunto – per identificare quanto prima tutte le persone coinvolte nell’esercito russo in questi crimini. E per punirli tutti”. E “sarà un lavoro congiunto con l’Unione Europea e le istituzioni internazionali, in particolare con la Corte penale internazionale”. Zelensky ha reso noto che oggi, oltre a rivolgersi all’Onu, parlerà anche al parlamento spagnolo.

Zelensky è anche intervenuto al Parlamento spagnolo. Nel suo discorso, il presidente ha paragonato la distruzione provocata dalla guerra in Ucraina a quella di Guernica. L’attacco dell’esercito russo ha portato alla distruzione del 90% degli edifici di Mariupol, ha affermato il presidente ucraino.

“Siamo nell’aprile 2022, ma sembrerebbe di essere nell’aprile 1937, quando il mondo ha saputo quello che era successo in una delle vostre città, Guernica”, ha detto Zelensky. “La Russia non cerca la pace seriamente, e la cosa peggiore è che non sappiamo quanto potrà durare questa guerra”, ha affermato il capo di stato ucraino, chiedendo alla Spagna di mettere in campo le sanzioni “più dure possibili”.

TAG: Onu, russia, Ucraina, Volodymyr Zelensky
adv-398
Articoli Correlati