fbpx
adv-828
<< AMBIENTE

Nazioni Unite: un trattato globale per combattere l’inquinamento da plastica

| 28 Febbraio 2022 | AMBIENTE

I delegati dei paesi membri delle Nazioni Unite stanno valutando proposte per un trattato globale vincolante per frenare l’inquinamento da plastica.

L’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente, riunita dal 28 febbraio al 2 marzo a Nairobi, capitale del Kenya, dovrebbe proporre un quadro internazionale per affrontare il crescente problema dei rifiuti di plastica negli oceani, nei fiumi e nel paesaggio del mondo.

“Per la prima volta nella storia, stiamo assistendo a uno slancio globale senza precedenti per affrontare la piaga dell’inquinamento da plastica”, ha affermato il direttore esecutivo del Programma ambientale delle Nazioni Unite Inger Andersen.

Durante i preparativi per la sessione, Andersen ha implorato gli stati membri di cogliere l’occasione per rimodellare il “rapporto dell’umanità con la plastica una volta per tutte” sviluppando un accordo globale globale per combattere il problema.

Due importanti proposte sono emerse durante anni di discussioni internazionali sui modi per ridurre la plastica monouso.

Il primo, del Perù e del Ruanda, chiede un approccio a tutto spettro all’inquinamento da plastica, coprendo l’estrazione delle materie prime, la produzione di plastica, nonché l’uso e lo smaltimento della plastica. Sollecita la creazione di “un accordo internazionale legalmente vincolante per prevenire e ridurre l’inquinamento da plastica nell’ambiente, comprese le microplastiche”.

La proposta è co-sponsorizzato da Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Guinea, Kenya, Madagascar, Norvegia, Filippine, Senegal, Svizzera, Regno Unito e Uganda insieme all’Unione Europea.

Una seconda proposta, sponsorizzata dal Giappone, chiede un accordo internazionale “per affrontare l’inquinamento marino da plastica coprendo l’intero ciclo di vita e promuovendo l’efficienza delle risorse e l’economia circolare”, compreso il riutilizzo.

La differenza fondamentale è che l’approccio del Giappone si concentra sull’inquinamento marino da plastica, mentre la proposta Perù-Rwanda copre l’inquinamento da plastica in tutti gli ambienti.

Entrambe le proposte prevedono l’istituzione di un comitato negoziale per completare il nuovo trattato sulla plastica entro il 2024.

Se un tale trattato sulla plastica fosse approvato dall’Assemblea dell’ambiente delle Nazioni Unite, Andersen ha affermato che “sarebbe il più significativo a livello globale; decisione sulla governance ambientale dall’accordo di Parigi (clima) nel 2015″.

Il gruppo ambientalista Greenpeace sostiene l’approccio completo del ciclo di vita della proposta Perù-Rwanda per affrontare l’inquinamento da plastica.

“Oltre 140 paesi hanno dichiarato il loro sostegno all’apertura di negoziati su un trattato globale sulla plastica”, ha affermato Erastus Ooko, responsabile dell’impegno per la plastica per Greenpeace Africa.

“Tuttavia, il supporto per i negoziati non è sufficiente”, ha detto Ooko. “Questi paesi dovrebbero chiedere un trattato legalmente vincolante che corrisponda alla portata e alla profondità della crisi della plastica”.

TAG: inquinamento, Nazioni Unite, plastica, terra
adv-626
Articoli Correlati