fbpx
adv-590
<< CRONACA

Luca Miatton in Italia è a capo di OneCoin, la criptovaluta che ha ingannato l’Intero pianeta

| 18 Gennaio 2022 | CRONACA, REGIONE VENETO

La Società bulgara di criptovalute OneCoin, finita sotto i riflettori di tutto il mondo in quanto accusata di truffa, in Italia trova il suo tramite nell’imprenditore veneto Luca Miatton, più volte coinvolto, nel passato, in operazioni sospette.

La Società OneCoin, fondata dall’imprenditrice bulgara Ruja Ignatova, è la criptovaluta che avrebbe dovuto cambiare il mondo e che, invece, si è rivelata una delle maggiori “truffe piramidali” degli ultimi decenni, facendo sparire quattro miliardi di dollari, che le sono pervenuti da investitori di 175 paesi diversi, a cui non è mai stato restituito il proprio denaro.

In Italia, la scorsa estate, 14 persone sono state rinviate a giudizio per reati di truffa aggravata, diffusione, promozione abusiva e vendita piramidale di moneta elettronica.

Miatton dovrà, prima o poi, rispondere, in prima persona, dei fatti accaduti e  spiegare in quale modo è coinvolto nella truffa delle criptovalute.

Inoltre, alcuni partecipanti alla piramide di criptovaluta OneCoin hanno diffuso false informazioni sull’istituzione di una partnership con il Ministero ucraino della trasformazione digitale. I media locali hanno scritto che il dipartimento ha negato l’esistenza di qualsiasi accordo.

Nel corso di una conferenza online, i rappresentanti di OneCoin hanno dichiarato di aver ottenuto lo status di “Fornitore ufficiale di servizi di risorse virtuali” in Ucraina. A riprova, hanno inviato una lettera a uno dei fondatori dell’Azienda, Luca Miatton, presumibilmente firmata da Alexei Vyskub, Viceministro dei Trasporti. Funzionari del Ministero dell’Industria e dell’Information Technology hanno affermato che la lettera era falsa. Vedremo come andrà a finire.

TAG: #truffa, criptovalute, Luca Miatton, OneCoin
adv-203
Articoli Correlati