fbpx
adv-431
<< ECONOMIA

Non bene il 2022 per alcune imprese e lavoratori

| 3 Gennaio 2022 | ECONOMIA

“I tavoli attualmente aperti presso il Mise sono 69, con 55 tavoli attivi e 14 di monitoraggio per un totale di oltre 80mila lavoratori coinvolti”.

Così il coordinatore della nuova Struttura per le crisi di impresa del Ministero Luca Annibaletti in un’intervista sull’avvio del 2022 sul fronte delle crisi aziendali.

Molte “hanno origini lontane e sono legate sia alla mancanza di competitività delle nostre produzioni di gamma non elevata ed all’acquisizione dei nostri campioni nazionali da multinazionali estere”, spiega, precisando che le misure di sostegno del governo per il covid hanno “limitato l’insorgere” di nuove crisi.

Il Ministero dello Sviluppo economico ha raggiunto gli obiettivi fissati per il 2021 dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: crediti d’imposta Transizione 4.0, pubblicazione degli avvisi per la partecipazione agli Ipcei su microelettronica, idrogeno e cloud, 750 milioni per le filiere produttive, fondo da 400 milioni a sostegno dell’imprenditoria femminile.

Lo rende noto lo stesso Dicastero, ricordando che le risorse assegnate al Mise per l’attuazione degli investimenti nel 2021-2026 ammontano ad oltre 18 miliardi.

“Sono soddisfatto per il traguardo raggiunto dal Mise sugli obiettivi stabiliti dal Pnrr per il 2021. È un segnale importante che mandiamo certamente ai partner europei e ai mercati ma soprattutto alle realtà imprenditoriali, ai professionisti e lavoratori del nostro sistema produttivo che dimostra la serietà e competenza del percorso avviato con il governo Draghi”, afferma il ministro Giancarlo Giorgetti.

“Dobbiamo però aver ben chiaro – aggiunge – che si tratta di un primo passo che dovrà continuare ad essere difeso, implementato e rafforzato con lo stesso vigore fino al 2026”.

TAG: Giorgetti, Luca Annibaletti, mise, Pnrr
adv-986
Articoli Correlati
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com