fbpx
adv-808
<< EDITORIALE

Tra scienza, malattia e la libertà quanto prevale la decisione personale?

| 2 Dicembre 2021 | EDITORIALE

È chiaro che nella maggior parte dei paesi le politiche attuate per combattere il Covid-19 sono state restrittive e autoritarie. È impossibile negare che le autorità abbiano deciso, guidate dalla paura e dall’ignoranza, di diffondere la paura e imporre misure arbitrarie che limitano le libertà individuali di milioni di persone. 

È anche vero che la pandemia ha confermato qualcosa che sapevamo, ma di cui non potevamo immaginare gli effetti quando era una malattia contagiosa: che viviamo in un mondo molto piccolo. Per questo motivo chiudere le frontiere e confinare le persone non basta a contenerne la diffusione. Finché continueremo a imporre il bene personale a quello comune, questo virus e quelli a venire finiranno per distruggere la nostra preziosa libertà.

Durante il 2020, lo scetticismo e la disperazione sono state emozioni ampiamente condivise. Milioni di persone si ammalarono gravemente e molti morirono davanti a uno staff medico senza strumenti, esausto e disperato, e davanti a una società stupefatta che non riusciva a chiarire l’entità della tragedia. 

adv-158

Abbiamo sentito come il virus si è diffuso in Cina e abbiamo pensato che lo avrebbero contenuto lì. Poi abbiamo visto morire migliaia di italiani, ma pensavamo che noi europei lo avremmo sconfitto. Sebbene sapessimo che le persone morivano per le strade, non credevamo che potesse succederci qualcosa del genere. Ed è successo. Le cifre sono agghiaccianti: più di 260 milioni di contagiati e più di cinque milioni di morti in tutto il mondo.

Tuttavia, abbiamo ritrovato qualche speranza grazie al fatto che la scienza è riuscita in tempi record a sviluppare vaccini che riducono il numero di persone che si ammalano gravemente e muoiono. All’inizio dei piani di vaccinazione, era comprensibile che alcuni scettici volessero aspettare un po’; in questa fase del gioco, dopo aver tanto sofferto e aver ampiamente verificato che la cura è migliore della malattia, è incomprensibile che ci siano ancora persone che non vogliono farlo.

Un altro è il caso dei paesi che, per mancanza di solidarietà, non possono accedere ai vaccini. Stiamo imparando, a nostre spese, che il bene comune deve prevalere sull’individuo, non solo nella nostra comunità ma a livello globale finché l’accesso ai vaccini non sarà più equo.

Nelle società che si considerano libere e rispettano l’interesse e il desiderio individuale, tutti coloro che non vogliono essere vaccinati, potendo farlo, sono liberi di scegliere tale opzione. Tuttavia, poiché anche la libertà di chi non vuole esporsi alla malattia deve essere rispettata, poiché il Covid-19 è il problema di salute pubblica più complesso che l’umanità abbia dovuto affrontare, non c’è contraddizione quando si chiede a chi non lo ha voluto vaccinare che rispettino gli spazi lavorativi, sociali, ricreativi o culturali di chi è già stato vaccinato.

Anni fa, la maggior parte delle società occidentali ha deciso di attuare la stessa cosa con i fumatori: chi vuole può farlo, purché non faccia del male e non faccia ammalare gli altri. Vaccinarsi è una decisione personale che riguarda l’intera società. Ecco come dovrebbe essere trattato.

TAG: #Covid-19, libertà, società
adv-600
Articoli Correlati