fbpx
adv-688
<< INCHIESTE

I social strumento di abusi delle domestiche in Medio Oriente

La minaccia di Apple di cancellare Facebook e Instagram dal suo app store
| 26 Ottobre 2021 | INCHIESTE

Due anni fa, Apple minacciò di ritirare Facebook e Instagram dal suo app store per l’uso sulla piattaforma utilizzata come strumento per scambiare o vendere cameriere in Medio Oriente.

Dopo aver pubblicamente promesso di reprimere i social, Facebook ha riconosciuto nei documenti interni ottenuti da ilformat.info che era “l’applicazione insufficiente di attività abusive confermate” che hanno visto le cameriere filippine lamentarsi sul sito di social media di essere state abusate. Apple ha ceduto e Facebook e Instagram sono rimasti nell’app store.

Ma la repressione di Facebook sembra aver avuto un effetto limitato. Ancora oggi, una rapida ricerca di “khadima” in arabo (cameriere), farà apparire account con fotografie in posa di africani e sud-asiatici con età e prezzi indicati accanto alle loro immagini.

adv-109

Questo anche se il governo delle Filippine ha una squadra di lavoratori che non fanno altro che setacciare i post di Facebook ogni giorno per cercare di proteggere i disperati in cerca di lavoro da bande criminali e reclutatori senza scrupoli che utilizzano il sito.

Mentre il Medio Oriente rimane una fonte cruciale di lavoro per le donne in Asia e Africa che sperano di provvedere alle loro famiglie a casa, Facebook ha riconosciuto che alcuni paesi della regione hanno problemi di diritti umani “particolarmente eclatanti” quando si tratta di protezione dei lavoratori.

“Nella nostra indagine, i lavoratori domestici si sono spesso lamentati con le loro agenzie di reclutamento di essere chiusi nelle loro case, affamati, costretti a prolungare i loro contratti a tempo indeterminato, non pagati e ripetutamente venduti ad altri datori di lavoro senza il loro consenso”, si legge in un documento di Facebook. “In risposta, le agenzie comunemente hanno detto loro di essere più piacevoli”.

Il rapporto aggiungeva: “Abbiamo anche scoperto che le agenzie di reclutamento licenziano reati più gravi, come aggressioni fisiche o sessuali, piuttosto che aiutare i lavoratori domestici”.

In una dichiarazione a ilformat.info, Facebook ha affermato di aver preso sul serio il problema, nonostante la continua diffusione di annunci che sfruttano i lavoratori stranieri in Medio Oriente.

“Proibiamo lo sfruttamento umano senza mezzi termini”, ha affermato Facebook. “Abbiamo combattuto la tratta di esseri umani sulla nostra piattaforma per molti anni e il nostro obiettivo rimane quello di impedire a chiunque cerchi di sfruttare gli altri di avere una casa sulla nostra piattaforma”.

Questa storia si basa sulle rivelazioni fatte alla Securities and Exchange Commission e fornite al Congresso in forma redatta dal consulente legale dell’ex dipendente di Facebook, diventato un informatore, Frances Haugen. Le versioni redatte sono state ottenute da un consorzio di organizzazioni giornalistiche, tra cui ilformat.info.

Nel complesso, la raccolta di documenti mostra che le dimensioni scoraggianti e la base di utenti di Facebook in tutto il mondo – un fattore chiave nella sua rapida ascesa e una valutazione di quasi trilioni di dollari – si rivela anche la sua più grande debolezza nel tentativo di controllare attività illecite, come la vendita di droghe e sospetti abusi sui diritti umani e sul lavoro sul suo sito.

Gli attivisti affermano che Facebook, con sede a Menlo Park, in California, ha sia l’obbligo che i mezzi per reprimere completamente gli abusi che i loro servizi facilitano in quanto guadagna decine di miliardi di dollari all’anno.

TAG: Apple, Facebook, instagram, Medio Oriente, Sfruttamento
adv-616
Articoli Correlati